Formula Uno, Vettel pole a Shanghai

Adjust Comment Print

Si parte da sabato 14 aprile, alle ore 18.15, con lo studio Formula 1, condotto da Davide Camicioli con gli ex piloti Giancarlo Fisichella e Ivan Capelli, oltre all'ingegnere Giancarlo Bruno.

Arrivano notizie esaltanti da Shanghai per gli amanti della Ferrari.

Gli utenti potranno gustare l'evento anche in mobilità grazie a Sky Go, accessibile su PC, smartphone e tablet.

Così i primi 10: 1. Mentre Vettel conquistava la seconda vittoria in due gran premi (Australia e Bahrain) si esplodeva lo scontro tra Lewis Hamilton e Max Verstappen. La lotta alla pole è durissima: due Ferrari al vertice in Q1, due Mercedes al comando in Q2. L'unica che gli sfugge è quella dei podi, dove comanda la Ferrari con 11. Il progettista del circuito è il tedesco Hermann Tilke, colui che ha ideato anche il Gp di Sepang in Malesia. Da notare invece che l'anno scorso la Red Bull non riuscì a conquistare nemmeno una pole position e pure l'inizio della nuova stagione sta confermando questo dato: le 'lattine' riusciranno ad invertire la tendenza sulla griglia di partenza per la stagione 2018? Sono molto sorpreso del vantaggio che abbiamo avuto nei confronti dei rivali. Verstappen potrebbe dover sostituire il cambio, anche se a causa del ritiro di domenica scorsa non subirebbe penalità nel GP di Cina. Bottas taglia oggi il traguardo dei 100 GP in carriera, diventando il 69esimo pilota della storia ad andare in tripla cifra.

La Ferrari conquista la prima fila del GP di Shanghai su un circuito inatteso. Quarto tempo assoluto per Vettel.

Leggermente più soddisfatto il compagno di squadra, Raikkonen, che ha chiuso ancora una volta una sessione di libere con un tempo migliore di quello registrato da Vettel. "Ma sono le gare". Quest'ultimo, "stufo" del dualismo con Hamilton alla Mercedes è nelle condizioni ideali per valutare altre offerte di team competitivi. Quella di quest'anno è partita leggermente più indietro rispetto a quella precedente, ma ha ancora ampi margini di miglioramento come dimostrano i tempi sul giro e le prestazioni su tre circuiti completamente differenti. Tuttavia, i tecnici sono stati velocissimi nel sostituire le componenti danneggiate e a mandare Ricciardo in pista nei minuti finali della sessione per chiudere almeno un unico giro cronometrato. A punti anche la due Force India: nono Perez e decimo Ocon. Se la Williams conquistasse un punto salirebbe a 41 stagioni consecutive a punti, eguagliando la seconda striscia più lunga di sempre (McLaren 1966-2006).

Comments