Buffon, parole d'addio dopo Real Madrid-Juventus: "Spiace lasciare questi ragazzi…"

Adjust Comment Print

"Dispiace uscire così ma dobbiamo essere molto bravi a toglierci di dosso l'episodio finale".

Grande rabbia, grande delusione a sentire qualcuno che si permette di attaccare Gigi Buffon per lo sfogo profondamente umano avuto al termine della sfida con il Real Madrid. Quando ha parlato dell'arbitro ho fatto fatica a comprenderlo. Anche perché il Real non aveva fatto nulla, se non spingersi un po' in avanti, terrorizzato di incassare la quarta rete della condanna definitiva. Il Real ha meritato, ma l'arbitro doveva avere la sensibilità per capire il disastro che stava facendo. "Non puoi rovinare una partita epica perché non sei adeguato al compito". E all'etica: "Non puoi avere il cinismo di distruggere il sogno di una squadra". Allora devi stare in tribuna a mangiare le patatine... A certi livelli, certi toni sono inaccettabili. Anche la polizia sarebbe intervenuta per evitare guai maggiori e alla fine un abbraccio fra Buffon e Ramos avrebbe sugellato la tregua mentre i giocatori si dirigevano verso gli spogliatoi. Lucas Vazquez se n'è accorto e ha rimesso la zolla al suo posto, proprio come Cristiano Ronaldo prima di calciare. Come d'altronde dal trionfalismo sfrenato si scivola rapidamente nel grottesco. "A testa alta, anzi altissima", twitta Allegri, che perde De Sciglio per una sospetta lesione alla fascia plantare del piede sinistro. riproduzione riservata ®. Comunque viene espulso, forse alla sua ultina partita di Champions League. Perché, alla gara d'addio si può fare e dire quello che si vuole? L'attacamento alle poltrone e le logiche di potere annesse, non si limitano dunque solo alla politica o agli altri campi ma pure nello sport e al calcio.

Con un grande e forte abbraccio Gigi Buffon e Andrea Agnelli si sono salutati nella zona mista dello stadio. Recuperando vecchi favori arbitrali alla Vecchia Signora e così via. Del presidente dell'Uefa, lo sloveno Aleksander Čeferin che pervicacemente rifiuta l'utilizzo del VAR, strumento che, voluto invece dalla Fifa, sarà presente ai mondiali di Russia. Linea di porta spolverata dallo stesso Buffon, l'unico oggettivamente certo che il gol fosse regolare, che però sia alle telecamere che in campo ha giurato e spergiurato di non aver visto entrare il pallone. Sono un'illusione dello show biz. I ragazzi son stati meravigliosi e commoventi: da qui si riparte.

Comments