Siria, attacco ai ribelli a Duma: decine di morti. "Usate armi chimiche"

Adjust Comment Print

Gli americani per ora smentiscono. "Siamo pronti, una volta che Duma sarà liberata dai militanti, per inviare immediatamente specialisti russi nella difesa dalle radiazioni, chimica e biologica per raccogliere dati che confermeranno che queste affermazioni sono state fabbricate", ha aggiunto. Mosca segnala inoltre che "nessun consigliere militare russo" è tra le vittime. Damasco, riferiscono i media statali, nega l'uso di armi chimiche. Mosca e Teheran lo hanno difeso. Il Ministero degli Esteri russo ha dichiarato che lo scopo di tali informazioni è quello di proteggere i terroristi e giustificare eventuali attacchi dall'esterno. In un tweet, il presidente Donald Trump ha denunciato "l'insensato attacco chimico", puntando il dito anche contro la Russia e l'Iran per il loro sostegno al presidente siriano Bashar al-Assad: "Pagheranno un caro prezzo", ha promesso. Proprio ieri pomeriggio Trump aveva convocato lo staff della sicurezza per valutare una risposta appropriata.

Anche il governo siriano esclude un attacco Usa e accusa Israele, mentre l'esercito israeliano rifiuta di commentare la dichiarazione russa che gli attribuisce l'attacco alla base siriana T-4. Negli ultimi anni Israele ha effettuato diversi raid sulla Siria. Sulla base aerea siriana tra le città di Homs e Palmira sono state lanciate delle bombe: il raid ha colpito l'aeroporto militare T-4 conosciuto come Tiyas, uccidento 14 combattendi, di cui alcuni militari iraniani.

L'attacco sarebbe stato portato da alcuni caccia israeliani, ma in un primo momento si era pensato a un intervento americano.

Il cacciatorpediniere Donald Cook della marina militare Usa, armato con missili Tomahawk, ha lasciato il porto cipriota di Larnaca, dove era ormeggiato, per avvicinarsi alle acque territoriali siriane.

L'impressione è che possa prendere rapidamente forma una mini-coalizione pronta a "punire" il regime di Damasco.

Sale l'allerta internazionale per gli sviluppi della guerra civile siriana. Troppi gli interessi divergenti. Ogni sfera rappresenta una provincia siriana: più sono grandi e più tendono al rosso e più sono i morti. Una guerra che rischia di trascinarsi ancora a lungo.

Intanto è attesa per oggi la convocazione urgente del Consiglio di Sicurezza Onu per il raid con il gas chimico contro la popolazione civile di Duma, nella regione del Guta. "La stessa fonte ha affermato che la contraerea è entrata in azione ed è riuscita ad abbattere 8 missili" attribuendo la responsabilità dei lanci "agli Stati Uniti" che però hanno rispedito al mittente le accuse.

Comments