Salvini: "Proviamoci con i 5 Stelle"

Adjust Comment Print

Salvini, intanto, promette a Zaia di "chiudere da premier la trattativa con il Veneto in 15 minuti, premessa un'Italia federale, visto che anche la Puglia ora chiede l'autonomia". Anzi, forse lo è più di una settimana fa. La coalizione che ha vinto ha il diritto e il dovere di indicare il premier. Mentre riterrebbe inaccettabile qualunque altro nome. A termine delle prime due giornate (4 e 5 aprile) Mattarella ha dichiarato: "Farò trascorrere qualche giorno di riflessione, anche sulla base della esigenza di maggior tempo che mi è stata prospettata durante i colloqui da molte parti politiche". Suonava come la replica di un film vecchio di vent'anni; una concessione eccessiva del leader leghista e del centrodestra a un primato berlusconiano smentito dagli elettori; e soprattutto la conferma che il Carroccio non riesce a staccarsi dall'alleato di sempre. Il tentativo evidente è quello di entrare nel sistema per cambiarlo.

- "Accordo possibile ma senza Renzi". Insomma, il M5s forza la mano alla Lega e la invita così a un definitivo strappo. Oggi lo diro' anche a Berlusconi: "se il centrodestra deve parlare con una sola voce, quella voce deve essere chiara", dice il leader della Lega che oggi partecipera' al vertice del centrodestra.

E questo pericoloso mal di pancia interno rischia di essere il vero limite della svolta dei Cinque Stelle.

"Non so quanti veramente nel Pd pensino che sia possibile passare sotto i banchi del governo e dire sì alla fiducia a un esecutivo Di Maio".

Tra le fila di Forza Italia, comunque, c'è chi annuncia che un governo con il M5S non lo voterà mai. Con loro dobbiamo mettere nero su bianco i 10 punti del nostro programma. "Con quelli che ci hanno portato fino a qui?".

Ma il dialogo con la Lega rimane guardingo. Io non riconosco la coalizione perché si è presentata alle elezioni con tre candidati presidenti diversi e spesso con tre programmi diversi. E più tardi aggiunto: "Sono fiducioso in un governo con i 5Stelle". "I gruppi parlamentari devono dialogare fino in fondo per cercare di risolvere i problemi che affliggono il Paese: dalla lotta alla povertà, alla corruzione fino all'obiettivo di annullare gli incidenti sul lavoro", ha affermato il presidente della Camera al Gr1 Rai. Difficilmente saranno in grado di presentare al capo dello Stato una soluzione reale allo stallo politico in atto [VIDEO]; un empasse che con il passare dei giorni non vede soluzione.

Comments