Benevento-Juventus 2-4: i bianconeri salvati da Dybala (e da due rigori)

Adjust Comment Print

Rugani 6: nonostante la pressione offensiva del Benevento, è abbastanza attento e preciso negli interventi.

71′ - Nel Benevento esce l'eroe del giorno Diabaté, entra Iemmello. Nel finale del primo tempo, altro episodio controverso: palla in area per Pjanic, bravissimo a saltare il primo difensore con un tunnel; arriva di volata Djimsiti, a contrasto con il centrocampista bosniaco che va a terra.

Szczesny 6,5- Prestazione ottima del portiere polacco, che, con alcuni prevegoli interventi, si dimostra sempre più pronto a prendere sulle spalle l'eredità, pesante, di Buffon.

Vigorito sold out, coreografia da brividi e tifo da far impallidire anche la Vecchia Signora.

Sono proprio i due acquisti di gennaio del Benevento fra i più pericolosi, ma nel finale dei primi 45' ci pensa Mandzukic a mettere i brividi a Puggioni: Pasqua annulla per fallo di mano. VOTO PASQUA DI TIVOLI (ARBITRO) 5.5: Buona gestione di un match comunque corretto, ma restano dubbi sul calcio di rigore concesso ai bianconeri nel secondo tempo, sul contatto Viola-Higuain. Bene in uscita su Iemmello nella ripresa. Nella seconda frazione i padroni di casa partono a razzo ed al 51′ Diabatè trova nuovamente la parità sugli sviluppi di un bel corner battuto da Viola.

Alex Sandro 5 - Diagonale da brivido che concede a Diabaté la prima rete del pari, sempre compassato quando spinge. Il trio di metà campo vedrà Pjanic manovratore con Marchisio-Matuidi mezzali. Qualche errore di troppo anche nella gestione della palla.

La Juve passa a Benevento, ma che sofferenza.

DYBALA 7.5 Gol spettacolare che apre le danze, poi due rigori trasformati impeccabilmente. Prima e dopo soffre il pressing del centrocampo campano.

Ad inizio ripresa gli ospiti hanno provato ad essere più propositivi, cercando anche di sfruttare l'inserimento di Petkovic per Valoti, ma la difficoltà nel riuscire a creare occasioni da rete è rimasta inalterata, così come l'incertezza del reparto arretrato.

Lorenzo VENUTI 5,5 - Tiene Cuadrado come può, crescendo dopo un avvio difficile. Da applausi la parata su Djuricic nel primo tempo.

Dybala 7,5 - Tripletta da fermo. Per i campani c'è una doppia motivazione: salire un gradino in più verso una già complicata salvezza e aiutare i cugini napoletani a non perdere la scia dei bianconeri.

Progressione potente ed efficace al primo pallone utile, gran destro che propizia il pareggio al secondo. Pallone a casa per la terza volta in stagione. La deliziosa ottava rete stagionale gli viene negata dal direttore di gara. Lotta ma sembra un leone in gabbia. Non è lo stesso Mandzukic.

Il suo guizzo vale l'assist del pareggio, ma episodio a parte il brasiliano risulta poco incisivo ed abbastanza fuori dal gioco. E Douglas Costa all'82' ha calato il poker con una prodezza personale. Ritrovato dopo la serataccia e l'espulsione contro il Real. La Fiorentina, invece, si conferma in grandissima forma e in piena corsa per un posto in Europa League.

Comments