#BarcellonaRoma, Amor: "Partita complicata, ma il risultato è buono"

Adjust Comment Print

Il risultato finale (4-1) è impietoso e severissimo e costringe i giallorossi a provare ad attrezzarsi per un miracolo tra sei giorni (10 aprile) all'Olimpico nel ritorno dei quarti di finale di Champions League. Anzi, la Roma può anche recriminare su due scelte dell'arbitro, l'olandese Makkelie, che nel primo tempo non concede due calci di rigore, prima a Dzeko e poi a Pellegrini. La Roma si disunisce dopo il gol ed al 59′ arriva anche il tris con Messi che ha spazio in contropiede per cambiare campo per Suárez, destro rasoterra che Alisson respinge corto e Gerard Piqué è pronto sulla ribattuta ad infilare in gol. Nel finale Edin Dzeko tiene vivo la Roma, ma poco dopo Luis Suarez cala il poker.

Monchi però non si sofferma solo su questa sera, ma fa anche il punto sulla questione rinnovi. Al 77' altro cambio offensivo effettuato da Di Francesco, che inserisce Defrel per De Rossi. Stasera li hanno avuti, sia dall'arbitro che da noi. Con calma la Roma riprende il gioco e sembra non aver subito psicologicamente così tanto l'incidente di Daniele, mentre il primo tempo finisce senza troppe ansie, anche se il Barça è sempre molto pericoloso davanti.

PEROTTI SCIUPA, MANOLAS GOFFO - La ripresa parte con un brivido per il Camp Nou; Florenzi pennella da destra e Perotti tutto solo di testa schiaccia malamente a lato. A cavallo della mezz'ora il pallone del vantaggio capita sui piedi di Suarez ma Alisson ci mette una pezza. E' un risultato pesante che non rispecchia del tutto ciò che si è visto in campo, con gli ospiti puniti troppo pesantemente, oltre i loro demeriti. I giallorossi si scontreranno con la voglia dei blaugrana di tornare in semifinale di Champions dopo due anni di assenza. Una grande (auto) conclusione per il capitano giallorosso, che indovina una traiettoria diagonale imprendibile per Alisson. E all'80' dopo due super parate di Ter Stegen arriva finalmente il meritato gol: Perotti è bravo ad accentrarsi con il classico movimento sulla corsia di sinistra, cross basso per il Faraone che lascia a Dzeko bravo a girare col mancino in buca d'angolo e lasciare impietrito Ter Stegen. Che durano poco perché in uscita Gonalons regala palla a Suarez che gela ancora Alisson: 4-1, pesantissimo e immeritato.

Barcellona (4-4-2):Ter Stegen; Semedo, Piqué, Umtiti, J. Alba; Sergi Roberto, Rakitic, Busquets, Iniesta; Messi, Suarez.

PROBABILE FORMAZIONE ROMA (4-3-3): 1 Alisson; 24 Florenzi, 44 Manolas, 20 Fazio, 11 Kolarov; 7 Pellegrini, 16 De Rossi, 6 Strootman; 30 Gerson, 9 Dzeko, 8 Perotti. A disposizione: 28 Skorupski, 25 Bruno Peres, 5 Juan Jesus, 21 Gonalons, 92 El Shaarawy, 23 Defrel, 14 Schick.

Tre gol di scarto presi dalla Juve contro il Real Madrid, altrettanti per la Roma al Camp Nou.

Comments