È una youtuber animalista la donna che ha sparato — YouTube

Adjust Comment Print

Spari e tensione nel quartier generale di YouTube in California. Un testimone ha raccontato che la donna ha fatto irruzione al momento del pranzo e sembrava volesse sparare a qualcuno di preciso.

Il dipartimento di polizia di San Bruno, California, ha reso nota l'identità dell'attentatrice che ha sparato nella sede di YouTube.

Diversi sono stati i momenti di terrore che hanno preceduto l'epilogo della vicenda.

L'ospedale di Standford, a San Francisco, ha riferito di aver accolto quattro pazienti coinvolti nella sparatoria. Ci sarebbero almeno 4 persone ferite.

"Non abbiamo alcuna indicazione sul fatto che lei selezionasse le persone a cui sparava", ha detto Barberini, quando gli è stato chiesto di parlare di quali fossero le vittime mirate a YouTube. La sospettata, Nasim Najafi Aghdam, è residente a San Diego.

Ma è importante capire le circostanze che potrebbero aver messo in moto le azioni di questa donna.

La Polizia, inizialmente, aveva invitato la gente, mediante un post su Twitter, di non avvicinarsi alla sede californiana di YouTube. Non è chiaro se la donna sia una dipendente di Youtube.

Accuse simili le aveva fatte anche in alcuni video, in cui affermava che YouTube imbrogliava e riduceva i videomaker a non avere più soldi. Interpellata dall'Associated Press, la polizia di Mountain View non ha voluto commentare. Una quarta persona è stata ricoverata con una caviglia slogata. I dipendenti di Youtube sono usciti con le mani dietro la testa e sono stati controllati dalle forze dell'ordine. Altre fonti dicono che lo sparatore, imbracciava una A3-15, lo stesso fucile d'assalto utilizzato il 14 febbraio dal killer Nikolas Cruz nel liceo di Parkland in Florida. Le forze dell'ordine di San Bruno via tweet hanno confermato che c'è attività di polizia nella zona e hanno pregato di restare lontani. 'E 'stato molto caotico come puoi immaginare', ha aggiunto. Nasim Aghdam, 39enne di origine iraniana, nella sparatoria ha colpito e ferito tre persone, prima di suicidarsi. La sua identità circolava già da qualche ora dopo l'attentato. Sembrerebbe, inoltre, che odiasse la società perché avrebbe smesso di pagarla per i video che pubblicava sulla piattaforma.

Comments