Di Maio: M5s aperto a tutti, partiti si facciano avanti

Adjust Comment Print

A meno che il segretario leghista rompesse l'alleanza di centrodestra e si disponesse a fare lo junior partner del capo di M5S.

Un altro murale che raffigura Giorgia Meloni con in braccio un bimbo africano è comparso nei pressi del Senato, poco distante da quello con il bacio tra Salvini e Di Maio.

Infatti anche se dagli azzurri giungono voci favorevoli ad un possibile accordo programmatico considerando che se si partisse dalle proposte di cambiamento anzichè dagli organigrammi sarebbero più numerosi gli elementi di unità che non quelli di divisione, . Mentre stava comprando una camicia a pochi passi dal Parlamento, Matteo Salvini ha chiesto ai cronosti che lo accompagnavano dove fosse "l'opera d'arte". Ma il problema è a monte: il leader dei grillini non ha ancora garantito che si farà da parte. "Grazie per la trasmissione".

Nelle postazioni televisive piazzate nel cortile di Montecitorio, gli inviati hanno fatto a gara, passandosi a vicenda politici consumati e matricole, ma ora sono alla ricerca del nome di peso, specie nel centrodestra. "Noi siamo pronti, voi ci siete", ha aggiunto illustrando un ipotetico programma elettorale. "Per uscire dal pantano la Lega fa un gesto di responsabilità all'interno del centrodestra, non abbiamo chiesto nulla per noi, ma qui si fa notte e quindi abbiamo scelto di votare un candidato di centrodestra, di Forza Italia".

Di tutt'altro parere è parso l'alleato Silvio Berlusconi che dopo aver convocato un vertice di partito a Palazzo Grazioli ha definito l'operazione con parole molto dure: 'Voti Lega a Bernini rompono coalizione.

Ed è anche questo il clima che ci spinge a porgere un'altra indicazione in attesa di ulteriori quanto necessarie conferme: si va superando in Italia il proliferare di Partiti e di Movimenti che sono spuntati a iosa e che hanno reso possibili " i balletti" attraverso i quali ad un deputato o a un senatore al quale venivano " i classici cinque minuti" era abilitato perfino a fondare correnti e "correntelle" come i "dominus" della situazione? Gli interrogativi si spostano ora sulla qualità e la durata dell'intesa Salvini-Di Maio.

Roberto Fico presidente cosa significa? "L'esito non è scontato, così come non è scontato che il Paese, fra due o tre mesi, trovi una maggioranza politica". Il quorum rimarrà anche in questo nuovo scrutinio quello dei 2/3 dei votanti, contando anche le schede bianche. Per esempio: niente veti di vecchi leader e partiti, niente arabeschi di antiche formule, legittimazione piena nel gestire le prossime settimane delle due forze vincitrici delle elezioni a cui spettano le maggiori decisioni, tempi rapidi nelle decisioni che riguardano le regole istituzionali.

A ricordare a Salvini la propria subalternità - quantomeno sul piano dei numeri - ai Cinque stelle ci pensa anche Renato Brunetta. La reazione di Berlusconi non si è fatta attendere: "Dalla Lega arriva un atto di ostilità a freddo", dice.

Il Pd ha provato a inserirsi nella trattativa ma ogni contatto è naufragato dinanzi al niet di Renzi. Il reddito di cittadinanza (si parte da 780 euro al mese per un single) costerebbe almeno 17 miliardi all'anno.

Comments