Francia, ucciso il terrorista che aveva preso ostaggi a Trèbes

Adjust Comment Print

Poi ha raggiunto il supemercato Super U di Trèbes e gridando "Sono dell'Isis" ha preso in ostaggio il personale e i clienti. Poco prima l'uomo aveva ucciso una terza persona.

Sono stati sparati colpi di arma da fuoco contro due agenti in un negozio Super-U, nella cittadina nel sud della Francia, non lontano da Carcassonne. Secondo BFMTV, sul luogo dell'attentato sarebbero presenti anche la madre e la sorella dell'assalitore.

Il terrorista ucciso, si è appreso, era noto alla polizia francese e schedato per sospetta radicalizzazione.

"L'assalto e' stato dato e ha condotto al risultato che ha evocato", ha risposto il presidente francese a un giornalista che chiedeva conferma della morte del presunto terrorista.

L'assalitore ha infatti trattenuto un ufficiale della gendarmeria. L'uomo armato è rimasto all'interno soltanto con un ufficiale della gendarmeria che si è offerto di farsi prendere in ostaggio in cambio della liberazione di una donna. Intorno a mezzogiorno nei pressi del supermercato è stata trovata un'auto, forse usata dal killer per sparare contro i poliziotti. Il suo gesto, stando a quanto emerso, sarebbe un modo per vendicare la Siria.

Da quanto riportato dal quotidiano "Leggo", è possibile che ci sia un collegamento tra l'attacco al supermercato U-Super e i fatti accaduti in mattinata nella stessa zona francese. Tre invece i feriti di cui parla la stampa transalpina.

La dinamicaNella tarda mattinata di venerdì, a Carcassonne, un uomo avrebbe preso di mira 4 poliziotti, ferendone uno alla spalla con un colpo d'arma da fuoco.

Due gli attacchi: uno in un supermercato di Trèbes e l'altro a Carcassonne.

Poi ha ucciso altre due persone nel supermercato. Sempre secondo il sindaco i clienti sarebbero usciti dal supermercato. Lefebvre ha detto che l'uomo che ha sparato è "probabilmente" di un "estremista islamico". Ho visto una porta di una cella frigorifero, ho detto alla gente di venirsi a mettere al riparo. Il giovane, Redouane Lakdim, marocchino di 26 anni, si era barricato con degli ostaggi. "Ora siamo al sicuro, chiusi nel garage - ha aggiunto - aspettiamo ordini dalla polizia, non ci possiamo muovere da qui".

Il ministro dell'Interno, Gérard Collomb ha fatto sapere via Twitter che intende recarsi immediatamente a Trébes. Lo dice il premier Paolo Gentiloni, che da Bruxelles ha espresso "vicinanza al governo e al popolo francese".

Comments