David di Donatello 2018, Premi speciali a Spielberg, Sandrelli e Diane Keaton

Adjust Comment Print

L'edizione 2018 si è aperta ieri sera con il monologo in cui Paola Cortellesi ha indicato, seguendo un testo di Stefano Bartezzaghi, il modo in cui parole inoffensive se usate al maschile diventano insulti se, riferite alle donne.

- Miglior attrice protagonista: Jasmine Trinca per Fortunata di Sergio Castellitto.

David speciale alla Carriera a Stefania Sandrelli, Steven Spielberg e Diane Keaton che ha ricordato tra i suoi personagi Annie, diretta da Woody Allen.

Carpentieri premiato da Diane Keaton Il miglior attore è il 74enne casertano Renato Carpentieri, che ha ricevuto la statuetta da una leggenda vivente del cinema mondiale come Diane Keaton, per la sua interpretazione nella Tenerezza di Gianni Amelio. Mentre il premio miglior regista esordiente l'ha ottenuto Donato Carrisi per il film 'La ragazza nella nebbia'. Si aggiudica anche il miglior montaggio andato ad Alfonso Goncalves. Poi, dopo l'impegno 'politico' che a fine trasmissione fa dire alla presidente Piera Detassis che questo e' "un David al femminile", e' partita la serata con i suoi premi, i suoi grandi ospiti e le sue emozioni. Una sceneggiata, rivisitata con l'innegabile piglio dell'indipendenza, che ha portato a casa, oltre a quello per la miglior pellicola, il premio per la colonna sonora, la canzone, i costumi e l'attrice non protagonista Claudia Gerini, irresistibile nei panni di una coloratissima pupa del boss.

- Migliori effetti diigitali: Gatta Cenerentola. Altro grande protagonista di questi David è stato Nico, 1988 di Susanna Nicchiarelli: il film, incentrato sugli ultimi anni dell'artista/cantante Nico, si è aggiudicato quattro David tra cui quello per la sceneggiatura originale.

Per la categoria miglior film documentario ha vinto "La lucida Follia" di Marco Ferrere e di Anselma dell'Olio e per il miglior cortometraggio ha vinto "Bismillah" di Alessandro il Grande. La miglior sceneggiatura non originale è invece quella del film "Sicilian Ghost Story" di Fabio Grassadonia e Antonio Piazza. II fratelli romani che da sempre hanno difeso il genere, muovendosi fra il noir, la fantascienza, il thriller e l'horror ci aspettano dunque al cinema per la loro seconda avventura napoletana.

- Migliore autore della fotografia: Gian Filippo Corticelli per Napoli Velata di Ferzan Ozpetek. Era venuto per congratularsi con me. Sul palco il regista americano, che riceve il David alla carriera direttamente dalle mani di Monica Bellucci, ha raccontato che tra i suoi amici da giovane c'erano George Lucas, Francis Ford Coppola, Martin Scorsese, Brian De Palma.

Comments