Italia, Di Biagio: "Buffon è in Nazionale per giocare"

Adjust Comment Print

Da qui, molti esperti e addetti ai lavori si sono posti il problema: ma è giusto escludere nuovamente un attaccante come Balotelli che, in terra francese, si sta rivelando così prolifico e determinante, e che, a quasi 28 anni, pare finalmente aver trovato se stesso?

C'è astio con alcuni senatori dello spogliatoio, ci sono dinamiche oscure interne, ma nessuno ha il coraggio di rendere chiaro quanto sta accadendo.

In Nazionale, Balotelli ha due volti riconoscibili dalla massa popolare: il trascinatore della Nazionale che ha fatto sognare l'Italia a Euro 2012 stendendo la Germania, nonché il principale colpevole del fallimento azzurro del 2014.

Un riassunto delle opinioni - un po' da giornalisti, un po' da bar - che si sentono più spesso sull'argomento, che divide e dividerà ancora.

In merito alla situazione di Federico Chiesa aggiunge: "E' pronto per stare qua in maniera definitiva". Il neo-Ct non vuole o non può dire la verità. Detto questo, i giovani che ho chiamato devono dimostrare di essere pronti, di avere un target per giocare a certi livelli. ". Ha sorpreso anche il no a Balotelli". Insomma, non un profeta in patria di certo, ma un uomo e un giocatore diversi, un goleador ritrovato. Io ho guardato, valutato e deciso.

Tra i pali ci sarà sicuramente Buffon, il vero e proprio "collante" tra la vecchia e la nuova generazione di calciatori chiamati da Di Biagio: difesa rinnovata almeno per il momento, a causa del forfait di Chiellini, sostituito in tempo con Ogbonna.

BUFFON - "Gigi è qui anche per aggregare". Sarà in campo e darà un valore aggiunto all'Italia, sia dentro che fuori dal campo.

Gentile ha tuonato: "Chi in passato ha fatto la trafila in Federazione è poi arrivato al ruolo di c.t. dell'Italia ottenendo risultati. Abbiamo perso tanti difensori centrali ma troveremo altre situazioni". "Adesso però dobbiamo provare a normalizzare tutto, altrimenti rischia di essere tutto troppo devastante".

Comments