Sfida Juventus-Napoli, la questione scudetto in 2 punti

Adjust Comment Print

Sono felice, anche per il gol, vogliamo continuare in questa lotta per lo Scudetto.22 aprile? Infatti contro il Genoa sono sempre partite toste: "è già tanto aver fatto un gol, due pali ed un salvataggio sulla linea". Con un linguaggio politically correct e con poche, misurate ma precise battute, il dg della Juventus Beppe Marotta - nell'elogiare il grande rivale Sarri, premiato con il Trofeo Maestrelli - ha tra le righe fatto capire che per quanto bravo non è un allenatore da Juventus. Giuro che non lo immagino neanche lontanamente.

Poche ore di permesso per staccare la spina, prima di rituffarsi nella volata finale del campionato. "E labbiamo vinta. In assoluto, mi dà gusto uno spettacolo più elevato; nel dettaglio, non si può dire che il Napoli non abbia divertito". Tra la stagione 2007-08 e quella 2012-13, lo Scudetto si è sempre vinto con punteggi compresi tra 82 e 87.

"I ragazzi stanno dando il 101% e più di questo non posso chiedere".

La Lazio, i cui 13-14 giocatori titolari, fino ad ora spremuti come limoni maturi, non stanno più sulle gambe e con la testa, sfiniti dai tanti troppi impegni che hanno dovuto sobbarcarsi a causa della risibilità di quelli che dovevano essere i rinforzi. D'altronde con 2 punti di distacco e lo scontro diretto ancora da giocare, sognare è lecito.

Secondo Sarri, quello che ha trovato all'ombra del Vesuvio è unico al mondo: "Quello che si vive qui è irripetibile". Lambiente Napoli è compatto, tra squadra e tifosi cè un feeling incredibile e basti vedere laccoglienza che il San Paolo ha riservato a Reina”. Appare dunque evidente che l'ago della bilancia può davvero essere il match dell'Allianz Stadium. A dirla tutta, Allegri e compagnia mercoledì, battendo l'Atalanta nella gara di recupero, si erano portati a +4 dal Napoli, facendo crescere dubbi sulla tenuta e sulla capacità di stare ancora al folle passo juventino dei partenopei.

Gli attestati di stima non fanno impazzire Sarri, a lui piace lavorare e restare nel suo ufficio a studiare come battere il prossimo avversario.

Comments