È subito Dovizioso-Marquez: il primo round alla Ducati

Adjust Comment Print

Dopo le grandi emozioni della qualifica di ieri oggi si corre la prima gara della nuova stagione del MotoMondiale in Qatar sul circuito di Losail: dalla pole position scatterà Zarco.

Ottimo terzo posto per Valentino Rossi, che festeggia quindi sul podio il rinnovo contrattuale con Yamaha.

Al terzo posto Danilo Petrucci con la Ducati del team Pramac per la gioia dei ducatisti e anche di di Daniele Romagnoli, l'esperto capotecnico pesarese ( Gallo di Petriano) che ha curato oltre alla Desmosedici anche "lo stile" del pilota ternano. Soltanto al 12° posto l'altra Yamaha ufficiale, quella di Vinales.

Nella Top Ten hanno chiuso Dani Pedrosa, Jack Miller e Andrea Iannone.

Parlando di debuttanti in MotoGP invece, l'idolo di tutti è Franco Morbidelli, che conquista addirittura l'83,1% delle vostre preferenze tra i "Rookie of the Year"; alle sue spalle Takaaki Nakagami (9,4%) e Thomas Luthi (7,1%).

Dopo tre secondi posti consecutivi in Qatar, questa volta Andrea Dovizioso non poteva perdere, ma il successo è arrivato in volata, per 27 millesimi, dopo l'ennesima sfida al cardio palma con Marc Marquez, mai domo. A Losail Valentino Rossi dimostra il motivo per il quale non ha ancora nessuna intenzione di ritirarsi dalla scena: il Dottore, partito 8°, recupera posizioni su posizioni, e sorpasso dopo sorpasso, si porta negli scarichi del leader Johann Zarco. Con la moto di quest'anno mi sento meglio, so che Dovi e Marquez hanno qualcosa in più.

Per guardare in diretta tv il Gran Premio del Qatar di MotoGP bisogna essere abbonati alla televisione satellitare Sky che trasmetterà le immagini della gara in esclusiva su Sky Sport Motogp. "Nono tempo per Valentino Rossi, Yamaha, protagonista di una caduta durante le libere, +0" 492. Le prime qualifiche del nuovo anno hanno confermato quanto alto si prospetta il livello della stagione, e quanto sia difficile fare previsioni sull'andamento di ogni singola sessione.

Per ritrovare Jorge Lorenzo, occorre andare in quattordicesima posizone. Basti pensare alle prodezze di Cal Crutchlow, che con la Honda non ufficiale gestita da Lucio Cecchinello si è preso la 4° piazza a meno di due decimi dal campione del mondo spagnolo.

Comments