Centrodestra, Berlusconi chiude a un governo con il M5s

Adjust Comment Print

La legislatura dipenderà dalla tenuta del centrodestra. "E quindi ipotesi di governi che vedano Boschi, Renzi e Gentiloni, sono inimmaginabili".

Scrivono così, sul blog del Movimento 5 stelle i neo eletti Giulia Grillo, e Danilo Toninelli, rispettivamente capogruppo M5s di Camera e Senato. "Non sono disposto a un governo con il Pd". Salvini ha poi chiarito: "Nostro obiettivo è quello di un governo di centrodestra, con un programma di centrodestra, e poi chi vivrà vedrà". Uno scherzo, ma anche la realtà.

Toccherà a lui adesso rappresentare un Centrodestra che, contrariamente a quanto veniva detto prima del voto, al momento è ancora ben coeso anche se non mancano le differenze di vedute su come muoversi in questo delicato scenario politico che si è venuto a creare. "Gli organismi di garanzia sono slegati dai programmi di governo. Sono talmente tanti. E molti sfuggono al controllo di Di Maio e di Casaleggio".

Servirebbero, secondo me, maggiori iniziative di questo genere per dare la possibilità ai giovani di approcciarsi alla politica sana con la "P" maiuscola e creare buoni presupposti per costruire una rinnovata classe politica che serva il Paese, che difenda la nostra sovranità nazionale e pensi prima ai bisogni dei suoi cittadini. Il clima comunque è buono. Se riuscisse a diventare premier, cederebbe la presidenza del Senato a un esponente dei partiti alleati. Berlusconi sarebbe d'accordo con questa ipotesi, ma Salvini ha preso tempo per decidere. "Berlusconi non ha espresso un no pregiudiziale nei confronti del M5S", ha raccontato Salvini dopo l'incontro. Salvini si dimostra aperto, rifiutando pregiudizi sui nomi dei ministri, perché "se c'è condivisione di progetto punto per punto, mese per mese, siamo disponibili". Questo perché siamo e saremo persone diverse dagli altri, abbiamo militato e sofferto. E la serata di ieri sembra un passo avanti nell'unità. Lo stesso Pil avrebbe un incremento reale che passerà dall'1,5% al 2,5%. La riunione a Palazzo Grazioli si è svolta in un clima cordiale. "Cercheremo di convincere Meloni e Salvini".

Devono stare tutti insieme, cercando di superare le reciproche diffidenze.

Guglielmo Picchi, deputato neoeletto con la Lega in Toscana, intervistato da TPI, ha dichiarato: "Credo che Salvini meriti di fare un tentativo di formare un governo". Al leader della Lega che afferma "mai col Pd, il resto è possibile (aprendo quindi a Di Maio)", il numero uno di Forza Italia risponde con parole diametralmente opposte. Ma nella serata, più dei dubbi sono emersi i comuni propositi.

Da parte sua Salvini non ha fretta: è disposto, se non dovesse riuscire subito nel suo scopo di guidare il popolo del centrodestra al governo, a saltare un turno e rimanere all'opposizione.

Comments