Una super Juve vola ai quarti

Adjust Comment Print

Gol da uomo d'area, assist per Dybala sontuoso.

Quando hai l'HD ti bastano pochi minuti per accendere la Champions League: Higuain e Dybala fanno tutto in tre minuti e portano in paradiso la Signora quando pareva destinata all'eliminazione.

A Londra, Juventus batte Tottenham 2-1 (1-0).

Chiellini rischia con un mani in area che l'arbitro non vede ma pochi minuti è più grave la svista dell'arbitro di porta che non segnala un fallo nell'area di Lloris: Vertonghen travolge Douglas Costa ma il provvedimento atteso dai bianconeri non arriva. E allora sul gol di Son, scatenato sulla fascia sinistra, sembrava finita.

Tottenham-Juventus in breve. Il Tottenham è una delle tre squadre imbattute in questa edizione della Champions League, insieme a Barcellona e Liverpool.

La strada verso la finale di Kiev s'interrompe per gli uomini di Pochettino mentre rimane aperta per una Juventus che però dovrà ritrovare condizione e uomini per raggiungere la capitale dell'Ucraina.

Nella ripresa non cambia il copione, o almeno fino al 60. Non riuscivano più ad attaccare, a rendersi pericolosi.

Nel finale di gara Barzagli ai microfoni di Premium: "Una delle gare migliori della stagione, abbiamo fatto 50 minuti malissimo, poi abbiamo ribaltato il risultato giocando bene".

Tottenham (4-2-3-1): Lloris; Trippier, Sanchez, Vertonghen, Davies; Dier (74° Lamela), Dembele; Eriksen, Dele (85° Llorente), Son; Kane.

JUVENTUS (4-3-3): Buffon 6; Barzagli 5, Benatia 6 (61′ Lichtsteiner 6,5), Chiellini 6,5, Alex Sandro 6,5; Khedira 6,5, Pjanic 6, Matuidi 5 (61′ Asamoah 6,5); Douglas Costa 7, Higuain 8 (84′ Sturaro sv), Dybala 7. Le partite le vincono i giocatori che stanno facendo un'annata straordinaria e sono fiero di allenarli. La Juventus soffre ed è in svantaggio a Wembley, contro il Tottenham di Mauricio Pochettino. L'esterno coreano è stato continuo per tutta la partita. La Juve è questa, abituata a non avere lo spettacolo in mano perché non può, non ha il centrocampo adatto, troppi mezzi campioni. La mossa funziona e Higuain magicamente si scuote dal torpore. La squadra di Massimiliano Allegri ha il merito di non abbassare il baricentro sotto la pressione avversaria nelle battute iniziali, ma concede il comando delle operazioni agli Spurs, che giocano a ritmi elevatissimi.

I ragazzi di Max Allegri per poter superare il turno hanno bisogno di un solo risultato: la vittoria. L'attaccante inglese ha segnato nove gol nelle sue prime nove partite di Champions League, un record nella storia del club londinese in questa competizione. Non abbiamo perso contro una squadra molto meglio di noi dal punto di vista tecnico.

Comments