Torino, Cairo: "La delusione per Sinisa viene ricompensata dalla presenza di Mazzarri"

Adjust Comment Print

Penso di poter fare bene: non amo fare grandi proclami, preferisco dare spazio ai fatti e non alle parole. A parte l'ovvio abisso di valori tecnici tra le squadre allenate da Mihajlovic e i Colchoneros, è l'identità di gioco regalata dal Cholo (e dal Mono Burgos) a fare la differenza.

L'ultima immagine alla guida dei granata rimarrà la feroce protesta verso Doveri (per il fallo non visto su Acquah) che porterà alla sua espulsione. Era a bordo di un'auto, uscita dal portone del cortile del palazzo che ospita la sede granata, diretta allo Stadio Filadelfia dove tra pochi minuti condurrà il suo primo allenamento. "Insieme a Frustalupi valuteremo e metterò la migliore formazione contro il Bologna". E' una prassi, che ho definito fariseica proprio perché vorrebbe giustificare una decisione che, nella realtà, non ha mai il substrato della serenità. Vorrei sentire un corpo unico, sul campo e sugli spalti. Alla fine i risultati si valutano, vedremo dove siamo arrivati. Quando l'ho avuto in Inghilterra, per qualche partita l'ha fatto. 59 anni, originario della provincia di Livorno, nel corso della propria carriera WM si è sempre contraddistinto per la capacità di estrarre il meglio da rose non sempre di prim'ordine. "Do sempre tutto quello che posso per far vincere ai miei ragazzi le partite".

Per il momento la tifoseria granata non sembra soddisfatta della scelta compiuta da Urbano Cairo e il suo staff.

"Non ero più abituato a esonerare un allenatore".

In mattinata è attesa l'ufficialità dell'esonero e probabilmente l'annuncio del nuovo allenatore del Torino che con ogni probabilità sarà una vecchia conoscenza del calcio italiano: Walter Mazzarri. Ci pensavo fin dal 2007, quando venne a trovarmi a Milano, ma allora si era già impegnato con un'altra società. Mazzarri ha fatto bene al Napoli e alla Sampdoria, in entrambi i casi ha posto le basi per squadre di qualità. La svolta è finalizzata anche a tentare il sogno Europa League: "Gli obiettivi non si dicono ma bisogna cercare di perseguirli; facendo proclami, al 90% si viene smentiti - risponde Mazzarri -. Il dispiacere per l'esonero di Mihajlovic mi viene attutito dall'avere con me finalmente Mazzarri che stimo tantissimo".

Comments