Allarme Terrorismo, Las Vegas sparatoria durante un concerto ucciso l'attentatore

Adjust Comment Print

Almeno 58 morti e 515 feriti nella sparatoria avvenuta nei pressi del Mandalay Bay Casino a Las Vegas. Il padre di Stephen, Benjamin Hoskins Paddock era un "rapinatore seriale" di banche, che è stato per anni nella lista dei più ricercati dall'Fbi dopo essere fuggito da un carcere federale del Texas dove stava scontando una condanna di venti anni. In attesa di fare chiarezza, l'aeroporto della città, il McCarran, è stato provvisoriamente chiuso e alcuni voli sono stati deviati. L'organizzazione jihadista ha detto due volte, attraverso la sua agenzia Amaq, che il pensionato 64enne autore della strage di Las Vegas era uno dei suoi "soldati", senza però fornire evidenze. Stephen Poddock, asserragliato nella stanza, si è tolto la vita prima che venisse catturato dalla polizia. Conviveva con la Danley in una comunità per anziani a Mesquite, ad un'ora di auto da Las Vegas.

Lo sceriffo Lombardo ha rivelato che Paddock aveva affittato una stanza all'Ogden hotel, pochi giorni prima di attuare il suo progetto omicida, dal 22 al 24 settembre, in contemporanea con un festival di musica alternativa, forse pensando a un'altra strage. Secondo le autorità di Las Vegas l'uomo potrebbe essersi suicidato: "È stato colpito, non sappiamo se si è sparato o se è stato colpito dalla polizia". "È un pò quello che succede quando si dà da bere alcol ad alcune persone...diventano aggressive invece di andare a dormire". Secondo quanto raccontato dai familiari ancora increduli su quanto abbia potuto commettere il proprio congiunto, il killer era persona tutt'altro che disagiata, anche se la famiglia di origine ha una macchia decisamente grossa. Delle 42 armi ritrovate, una parte era detenuta nella sua abitazione, una parte nella stanza d'albergo, dove ne sono state rinvenute ben 23, di cui 19 fucili e centinaia di munizioni. Stephen Paddock terrorista islamico.

Le storie di queste persone sono terrificanti: da Dan Bilzerian, star di instagram, al semplice studente, e tutti quelli che ce l'hanno fatta. La pubblicazione cita un registro del Prescription Monitoring Program del Nevada, dal quale emerge che a Paddock sarebbe stato prescritto il Diazepam (Valium), 50 compresse da 10 milligrammi dal medico di Henderson, Steven Winkler, il 21 giugno. L'umanità, probabilmente. Senza rintracciabili motivazioni politiche o religiose, "non era assolutamente un fissato", discepolo del nulla o di qualcosa chiuso dentro la sua testa che la compagna (era in Australia mentre Paddock trascinava un intero arsenale dentro una camera d'albergo) adesso dovrà spiegare.

What happened in Vegas, alle 9.30 di domenica 2 ottobre, non è rimasto in Vegas, ha fatto il giro del mondo raccogliendone la solidarietà ma anche la solita consunta domanda: perché sempre in Usa?

Comments