Strage Las Vegas: sparatoria al concerto dal Mandalay Bay

Adjust Comment Print

Piuttosto che accettare una stretta sulla vendita di fucili e pistole, il popolo americano preferirebbe attribuire la colpa della strage di Las Vegas a un problema esterno.

Si lavora incessantemente anche per ricostruire il modus operandi del killer. "È come se un asteroide si fosse abbattuto sulla nostra famiglia", ha detto Eric Paddok, il fratello delll'attentatore, "deve aver perso la testa".

Le prime testimonianze parlano di più eventi in luoghi diversi lungo la Las Vegas Boulevard South, ma la polizia ha smentito queste voci e ha confermato che si è trattato di un unico assalitore, che ha sparato sempre sullo stesso obiettivo scaricando centinaia di colpi.

"La sparatoria più sanguinosa della storia americana", accenna il Cnn, "che prende il posto di quella avvenuta ad Orlando, l'anno precedente". "Nessuno avrebbemai immaginato che Stephen commettesse un tale atto". Lo ha riferito l'assistente sceriffo di Las Vegas, Todd Fasulo, mentre e' salito a 59 il numero dei morti e a 527 quello dei feriti nella strage compiuta dal pensionato.

Dal presidente Trump, intervenuto con un discorso dalla Casa Bianca, solo preghiere e un appello all'unità della nazione, ma nemmeno un accenno al problema della diffusione delle armi negli Stati Uniti.

Prima di aprire la raffica di fuoco contro migliaia di persone al concerto di Las Vegas, Stephen Paddock aveva creato attorno a sé una fitta rete di sorveglianza con videocamere nella suite e nel corridoio dell'albergo, al 32esimo piano del Mandalay Bay Resort and Casino. Lui ha usato un suo documento per registrarsi. C'è chi pensa che la scelta di inviare la somma sia legata a una grossa perdita di denaro.

Il killer di Las Vegas era un soldato dell'Isis? Tra i morti anche due agenti, fuori servizio, che assistevano al concerto.

IL BERSAGLIO- Le vittime innocenti della strage, come negli altri attentati terroristici, non hanno alcun legame con l'omicida. Il killer - nato il 9 aprile del 1953 - viveva insieme alla compagna attualmente ricercata - Marilou Danley - a Mesquite dal giugno 2016.

Potrebbero esserci uomini armati ancora potenzialmente pericolosi: lo rivelano alcune indiscrezioni di stampa locale che hanno riportato il drammatico momento in cui la folla impazzita fugge sulla strip di Las Vegas.

Comments