Spalletti: bene ma Inter deve migliorare

Adjust Comment Print

Per aggiornare la diretta basta premere F5! La squadra è rimasta lì con la testa, pur sbagliando ha voluto fare le cose. Siamo obbligati a a non abbassare la guardia. Dopo questa partita Brozovic si candida prepotentemente per essere il trequartista titolare di Luciano Spalletti. Come impegno è un voto massimo, come risultato no perché possiamo sempre migliorare, e vogliamo farlo. Juventus e Napoli fortissime. Ma in tutti i casi è stata squadra, anche quando si è abbassata e ha aspettato. Il tiro e il fiuto del gol non sono invece mai mancate a Brozovic che anche oggi ha dimostrato di avere confidenza con il gol.

C'è ancora troppa distanza dalle prime?

La Serie A si accinge a giocare il settimo turno, prima della sosta internazionale. I tre però non ancora riescono a far rendere al meglio il bomber argentino che deve necessariamente essere valorizzato come giocatore e simbolo, nonché capitano, dell'Inter.

Tutto questo fino agli ultimi minuti di gioco del primo tempo dove uno svarione difensivo ha permesso a D'Alessandro di concludere a tu per tu con Handanovic su contropiede, donando nuova forza ai padroni di casa, fino a quel momento discretamente in balia del gioco nerazzurro.

L'Inter è più fortunata che bella?

"Anche mettendo gente con caratteristiche diverse cambierebbe poco. Eder sta facendo bene e può giocare con Icardi". In alcune situazioni dobbiamo ancora mettere mano e migliorare. "Ci vuole sicuro più imprevedibilità". Fischio d'inizio atteso al Vigorito domenica 1 ottobre alle ore 15.00: si annuncia una gara molto appassionante a cui però i giallorossi guardano con apprensione viste le numerose defezioni nella rosa oltre che il valore dell'avversario, che approda a questo turno di campionato da terza in classifica con 5 successi e un pari finora conseguiti. I nostri calciatori sono determinati. L'impegno c'è stato, i risultati meno. Il modo di lavorare e quello corretto, se qualcuno è da spronar bisogna farlo e se qualcuno è da consolare lo stesso. In certi momenti abbiamo fatto bene, in altri meno bene. In questa continuità un po' tutti abbiamo avuto qualche pausa. Si sta bene, la squadra deve essere orgogliosa per quello che ha fatto perché nessuno ci ha regalato niente. Ne ho anche parlato con Moratti. Si passa sempre da un lavoro quotidiano. Le persone come lui non dovrebbero andare incontro a queste sfortune. Il fatto che li cambio non significa che non funzionano, anzi tutt'altro.

Comments