Milan, Montella: "Avanti così, la miglior partita della stagione"

Adjust Comment Print

"Abbiamo affrontato una grande squadra, dominando per 70'. - ha sostenuto il dirigente rossonero - Nel nostro migliore momento, un grande giocatore come Dzeko ci ha tagliato le gambe". Partite per la verità contro avversari abbordabili mentre la vera tenuta della Roma sembra essere ancora tutta da verificare. Comincia a parlare italiano, ma sa parlare alla grande la lingua del calcio. Ben venga non partire da favoriti ma questo non ci toglie le responsabilità, ambire a migliorarsi passa anche per la partita di domani -prosegue il mister-. In realtà ce ne sono stati pochi a livello muscolare, per i crociati è legato credo al numero delle partite. Tornando alla partita, la vera occasione per segnare l'ha avuta soltanto capitan Bonucci, con un tiro a botta sicura, respinto da Alisson che ha mostrato di avere bei riflessi.

"Per favore chiunque tenga a me smetta di pensare o scrivere male di Vincenzo Montella - scrive Marra su Facebook - Non può un giorno anche se triste cancellare 8 anni meravigliosi. Dobbiamo però analizzare ciò che di buono abbiamo fatto, abbiamo tenuto testa ad una big come la Roma". La Roma è una grandissima squadra, sono contento, hanno un grandissimo allenatore. Quando si fa una rivoluzione si fanno delle scelte e a volte conta il risultato. Invece è arrivata la sconfitta più amara di questo inizio di stagione.

"Sono in linea con le sue parole, non ci spiegavamo del black out con la Samp, il suo intervento è in linea con il suo ruolo". "Prestazioni non all'altezza delle attese" ha tagliato corto Rummenigge, altro totem del Bayern, che pure è sempre stato al fianco di Ancelotti. Perché a San Siro nel primo tempo, quando il Milan è rimasto in bolla di galleggiamento, non c'è stato gioco.

I rossoneri hanno alternato due vittorie ad una sconfitta nelle prime sei giornate di questo campionato, senza segnare alcun gol nel match più recente con la Sampdoria.

Milan Roma è una partita molto attesa e sarà sicuramente vista da tantissime persone in televisione ed in streaming. Per me è un circolo di emozioni: "si tratta comunque della mia casa e non sarà mai una gara normale piena di affetto e legame".

Per avere continuità è meglio affidarsi al modulo o ai giocatori? Noi abbiamo fatto la rivoluzione, non ho trovato nessuna squadra che ha cambiato così tanto vincere dopo due mesi. Ma anche un Frank Kessié che non riesce ad esprimere completamente il suo potenziale: una squadra che potrebbe esplodere, ma che rischia di implodere.

Comments