Le formazioni ufficiali di Napoli - Cagliari

Adjust Comment Print

TRIS E DOMINIO - Nella seconda frazione il copione non cambia e dopo un paio di minuti la squadra di Sarri va di nuovo in rete, stavolta con Koulibaly, caparbio nel ribadire in rete una corta respinta della difesa, per il 3-0 che praticamente chiude la partita. Difesa alta fino a centrocampo, passaggi a raffica, improvvise puntate degli attaccanti, con l'azione che si snoda prevalentemente attraverso le fasce esterne e con Mertens mobile e caricato a molla a far paura alla difesa avversaria. Hamsik raggiunge quota 114 gol in maglia azzurra, manca una sola rete per appaiare Maradona.

Fattori che amalgamati dimostrano quanto all'ombra del Vesuvio la squadra sia realmente cresciuta; in virtù di ciò, la corsa scudetto non diventa poi così utopica. Ha più di una responsabilità sull'inserimento di Hamsik che segna l'1-0. Il Napoli prende subito le redini del gioco, mentre il Cagliari fatica ad uscire dal guscio. In una competizione come la Champions non si può subire un gol come quello all'ultimo secondo della partita.

Tutto facile per il Napoli.

Joao Pedro 5: Le poche volte che riceve il pallone cerca il dribbling a testa bassa, senza riuscirci. Sau è costretto ad uscire per infortunio e poco dopo arriva il raddoppio azzurro. Se, al contrario, il bomber livornese dovesse farcela, pronto il 4-3-1-2 al posto del 4-4-1-1 disegnato precedentemente ed a farne le spese in tal caso potrebbe essere Dessena. Settimo gol in campionato, media di uno a gara che mica è male, e partita chiusa, anche se si sa che Sarri non si fida mai. La formazione di Massimo Rastelli torna a casa a mani vuote restando ferma in quattordicesima posizione con 6 punti.

GHOULAM 6,5: La catena di sinistra funziona con la solita autorevolezza, l'esterno algerino spinge con continuità ed è un riferimento costante per Hamsik e Insigne. Al 40′ Romagna spinge in area Mertens e l'arbitro indica il dischetto. Il folletto si candida per calciare il rigore e spiazza il portiere. Il Cagliari, avversario tropo debole per Insigne e compagni. Il Napoli è la solita squadra aggressiva e perfettamente organizzata.

Comments