All'Inter basta Epic Brozovic: 1-2 sofferto al Benevento

Adjust Comment Print

Sembra un match in discesa per i nerazzurri, ma sul finire di primo tempo, il Benevento trova il guizzo vincente con D'Alessandro su azione di contropiede, per il parziale 1-2. I nerazzurri invece sono terzi i classifica con sedici punti, due in meno di Napoli e Juventus.

NOTE: Ammoniti: Borja Valero (I), Miranda (I), Vecino (I), Costa (B), Lombardi (B). Nerazzurri pericolosi sulle palle inattive con Miranda e Skriniar. Il Benevento rimane ultimo da solo a quota zero, fra due settimane delicatissimo scontro salvezza sul campo del Verona. In difesa, davanti a Belec, spazio per Venuti, Costa, Djimsiti e Letizia. Vengono concessi 5 minuti di recupero e il Benevento cerca di approfittare con qualche ripartenza, ma non ha la necessaria lucidità.

PERISIC 6: inguardabile per un'ora (6 palle perse in un tempo, 7 in totale) e salva la prestazione nel finale dove rischia di segnare e trova anche diversi passaggi interessanti: è fortunato a chiamarsi Perisic e non Candreva, oltre che ad avere maturato un buon credito negli ultimi mesi. L'Inter ci prova ancora: al 79' una conclusione di Perisic dal limite dell'area impegna Belec. L'Inter parte spedita e prima del ventesimo passa in vantaggio: in area Candreva finta di crossare col destro per poi farlo col mancino per l'inserimento di Brozovic che infila di testa. 1 a 0 e match subito incanalato nei giusti binari. Il raddoppio arriva al 22' ad opera del solito Brozovic che batte Belec direttamente su calcio di punizione. Si riparte e, per il pubblico di casa, arriva un nuovo, sfortunato, sussulto quando D'Alessandro centra il palo su cross di Lombardi dalla destra: il Benevento urla contro la sfortuna perchè il nuovo legno cade con Handanovic battuto.

Al 31′ ammonito Borja Valero per fallo su Viola. In attacco Lombardi e D'Alessandro a dar supporto a Iemmello. Ma il portiere interista si arrende quando ancora D'Alessandro (42') servito da Iemmello stavolta non sbaglia e firma il gol che riapre la sfida e interrompe un digiuno che durava dalla prima di campionato (567 minuti).

Al 51′ primo cambio per Spalletti che manda in campo Joao Mario per Candreva. Al 93' perde un pallone sanguinoso Dalbert che lancia D'Alessandro, attaccato e chiuso bene da Miranda che riscatta una partita semi-disastrosa.

Le cose non cambiano nella ripresa, i padroni di casa insistono e colpiscono un palo con D'Alessandro. In mediana, al fianco di Borja Valero, dovrebbe spuntarla Gagliardini mentre in difesa ancora fiducia a Dalbert sulla corsia mancina.

Comments