Hamilton in pole in Malesia, Vettel partirà ultimo

Adjust Comment Print

Nello specifico, dopo un problema nelle ultime prove libere sul motore di Sebastian Vettel - un cilindro andava a sbalzi, probabile ma non certo problema elettrico - si è deciso per una sostituzione precauzionale dell'unità termica, assieme al turbo (di solito già montato direttamente). "Le gare sono lunghe, però, e tutto può succedere", spiega.

Unica punta rossa rimasta in casa Ferrari ha anche le spalle larghe del più grande difensore: Kimi Raikkonen chiude la sua qualifica in una seconda posizione davvero fondamentale.

Dopo l'incidente di Singapore, continua il momento difficile della Ferrari. "Ci sono tanti aspetti positivi da considerare e sono sicuro che come squadra noi possiamo fare la differenza", aggiunge il tedesco. Un qualcosa che non hanno invece manifestato sia Ferrari che soprattutto RedBull; Ricciardo, pur con dei tempi non competitivi come quelli dei due ferraristi, è riuscito a compiere 5 giri con tempi quasi al centesimo di secondo. Questo per avere una prova comparativa.

Queste modifiche denotano un grosso lavoro di affinamento che gli ingegneri Mercedes stanno portando aventi sul progetto 2017 per cercare di migliorare ulteriormente il flusso diretto verso il fondo vettura. "Rimonta possibile? Abbiamo una macchina veloce e sono sicuro che risolveremo il problema". Piccolo inconveniente per Seb che, a pochi minuti dal termine delle prove, ha dovuto interrompere la simulazione gara per un malfunzionamento del sistema elettronico. Tra l'altro Kimi è stato confermato anche per il 2018 quindi una nuova guida in Ferrari arriverà, forse, nel 2019, sarà finalmente un giovane da crescere? "Poi, purtroppo, è arrivata la bandiera rossa e non abbiamo potuto fare la quantità di giri prevista". Il tedesco invece dopo un giro nel traffico ha realizzato un 1:36 basso. Infine le due Mercedes che non hanno brillato nemmeno sul passo gara.

Comments