Gp Aragon, Rossi: "Ho fatto una gara al massimo"

Adjust Comment Print

Tutti hanno esaltato l'impresa di Valentino Rossi. Come se nulla fosse. Per il pilota di Palma di Maiorca questa è l'ottava vittoria stagionale, che gli permette di allungare ulteriormente in classifica rispetto a Romano Fenati, oggi solamente decimo e staccato di ben 80 punti.

Rossi, che nel paddock si è mosso sostenendosi con una stampella, ha percorso 21 giri. Ma mai come questa volta la posizione in classifica conta meno di altre perché Rossi ha corso e vinto la sua gara. Dapprima il pilota della Honda ha duellato aspramente con Dovizioso per la terza posizione, poi ha scavalcato Rossi e a pochi giri dalla fine ha sferrato l'attacco definitivo a Lorenzo, che aveva comandato la gara dalla partenza. Arrivato in Spagna a pari punti col campione del mondo ora il distacco del Dovi da Marc è salito a 16. Era importante essere ad Aragon perché nel 2010 (quando si fratturò la stessa gamba durante le prove al Mugello, ndr) avevo saltato 3-4 gare e ci avevo messo un po' di tempo a riprendere certi automatismi.

Domenica agrodolce in casa Ducati con Lorenzo e Dovizoso in perfetto stile Dottor Jekyll e Mister Hyde "Jorge sta iniziando a capire come si guida la moto - ha proseguito Pernat - ieri ha fatto una strategia a lungo termine, vedremo nelle prossime gare se sarà ancora così. Ho cercato di guidare in modo piu' scorrevole e anche nell'ultima parte il feeling non era dei migliori ma in ogni caso sono riuscito a crearmi un piccolo vantaggio". A trentotto anni, avere quella voglia, quella convinzione, quella determinazione, quella capacità di soffrire, di cambiare il proprio stile, di amare questo sport e quello che fai. Quando mancano quattro appuntamenti al temine della stagione, Marquez è in testa con 224 punti, seguito da Dovizioso con 208. Nella seconda sessione del pomeriggio, afflitta da condizioni meteo poco favorevoli (con la pista bagnata per gran parte delle prove), è Dani Pedrosa ad imporsi davanti a tutti facendo registrare il crono di 1'59 " 858. Menzione d'onore per Aleix Espargaro. Un rischio che ha pagato, che la dice lunga sulla confidenza che ha questo pilota non solo nei suoi mezzi, ma anche nella sua moto. Invece adesso, avendo saltato solo una gara, va meglio. Completa il podio la KTM di Oliveira.

Comments