Risultati elezioni Germania 2017: quando escono? I possibili scenari post voto

Adjust Comment Print

La Merkel è alla guida del partito conservatore CDU dal 2000 ed è responsabile della modernizzazione del partito, considerato di centrodestra. E' in crescita l'Alternativa per la Germania (Afd), il partito nazionalista di estrema destra, che secondo le proiezioni, arriverà all'11%, un punto in più rispetto ai sondaggi precedenti, confermandosi terza forza al Bundestag. E molto importante sarà anche l'esito dei Verdi: il duo Oezdemir Goering-Eckardt è in ballo per una possibile coalizione giamaica.

M.S.: Ultima domanda da italiano caciarone che è abituato alle mortadelle in Parlamento e a populismi di ogni sorta. I due principali sfidanti, Angela Merkel e il leader socialdemocratico Martin Schulz voteranno rispettivamente a Berlino attorno alle 14.30 e a Wuerselen (nel Nordreno Vestfalia) attorno alle 10 del mattino.

Si vota solo in una giornata (la domenica), con i seggi aperti dalle 8 alle 18.

Sale l'attesa per il voto politico di domani in Germania. In generale i partiti ottengono seggi in proporzione ai voti conquistati alle urne. Sarà così ancora a lungo, finché non si riaprirà il discorso su una nuova costituzione europea, ma al momento mi sembra un'opzione remota. Oggi, gli elettori avranno due voti. Con il primo ("erststimme") sceglie un singolo candidato all'interno del proprio collegio in un sistema maggioritario: chi prende un voto in più degli altri viene eletto.

Anche se non sono previsti candidati premier da votare nella scheda relativa al proporzionale, tutti i partiti hanno indicato da tempo quali sono i loro nomi per la cancelleria. Facendo un esempio pratico: oggi i deputati del Bundestag sono 630, nel 2009 erano 622. "Letargocratico" è l'uso insistente che la Merkel ha fatto dell'arma della Noia, con cui ha indotto una parte consistente dei tedeschi a non interessarsi più di tanto delle questioni politiche. Più praticabile sembrerebbe una maggioranza espressa da una "coalizione Jamaica" di CDU, liberali e verdi che però ha problemi di intesa politica.

CDU-FDP: (giallo-nera) cristianodocratici e liberali. Resta sorprendente che all'inizio del terzo millennio, in un mondo estremamente dinamico, alla Signora Merkel sia riuscito di risvegliare una tendenza avversa agli esperimenti.

Mancano ormai solo sette giorni alle elezioni in Germania, e i sondaggi prospettano una nuova vittoria di Angela Merkel e della Cdu (partito di centrodestra). Altri addirittura, conti alla mano, hanno pure prospettato una maggioranza alternativa che potrebbe lasciar fuori la Merkel: quella tra socialdemocratici, estrema sinistra e verdi. "È vero che da quando ci sono così tanti stranieri i reati di molestie e abusi nei confronti delle donne sono aumentati?", chiede la conduttrice del Tg della sera sulla "Bayerischer Rundfunk" al sovrintendente alla sicurezza regionale.

Al contempo, l'outsider potrebbe essere il partito liberale e in qualche misura euroscettico FDP (Free Democrats).

La Repubblica Federale Tedesca arriva alle elezioni 2017 con quadro economico positivo caratterizzato da un forte sviluppo industriale e dal più alto livello occupazione dopo la riunificazione del 1990, da cui Angela Merkel ha tratto motivo di affermazione di una modalità di governo fondata sulla stabilità.

Comments