Bologna-Inter 1-1, un rigore salva l'Inter dalla sconfitta

Adjust Comment Print

L'Inter di quest'anno ha iniziato nel migliore dei modi: le quattro vittorie consecutive in campionato lasciano ben sperare i tifosi per il prosieguo della stagione; tifosi che ora sognano di rialzare il famigerato scudetto - o magari rivaleggiare per esso fino alle battute conclusive - lontano dalla Milano neroazzurra dal 2010. Ancora Bologna con Verdi che impegna seriamente Handanovic con un tiro da posizione ravvicinata. Partita difficile al dall'Ara: i ragazzi di Donadoni giocano una grande partita trascinati da un grande Verdi e i nerazzurri riescono a pareggiare solo grazie ad un calcio di rigore trasformato da Icardi. Dopo la rete sfiorata da Miranda, l'Inter usufruisce di un rigore assegnato da Di Bello per un fallo di M'baye su Eder. Sulla corsia mancina Nagatomo fa rifiatare Dalbert. Poi confermati Candreva, Perisic e Icardi, unica punta. Donadoni apprezza lo sforzo dei suoi giocatori nello stringere i denti e per gli ultimi venti minuti manda in campo Taider al posto di Poli e Palacio ad un claudicante Di Francesco ma subito dopo assiste impotente al pareggio dell'Inter. Al Dall'Ara finisce in parità e l'Inter si porta, per il momento, al comando solitario della classifica (+ 1 su Napoli e Juventus). In tribuna fra gli altri il ct della Nazionale Ventura e il neo designatore della Serie A Rocchi. Marco Di Bello ha fatto ricorso al VAR per accertarsi della situazione, convalidando la decisione arrivata per un'ingenuità di Ibrahima Mbaye, che in caduta ha messo la mano sulla gamba di Éder Citadin Martins facendolo cadere su un pallone difficilmente pericoloso. E tuttavia nella ripresa la squadra di Donadoni è calata. Nagatomo esterno sinistro in difesa.

SPALLETTI 5: passo indietro, persino più brutto di quello di Crotone, dove almeno c'erano come attenuanti il caldo e il campo. Poco prima della mezzora il portiere sloveno si oppone con sicurezza alla punizione velenosa di Verdi dal limite.

Un tempo a testa, così si può riassumere Bologna-Inter: i rossoblu dominano a tratti nel primo tempo con un super Verdi in formato Hulk, autore di tante giocate e un fantastico gol.

Non cambia la musica all'inizio del secondo tempo con i Felsinei ancora in attacco.

Su un'Inter tramortita, il Bologna avrebbe potuto affondare il colpo, non lo ha fatto e questo, alla fine, potrebbe essere il più grande rimpianto della serata. Brozovic in vantaggio su Joao Mario per un posto alle spalle di Icardi. Il Bologna chiude meritatamente in vantaggio la prima frazione di gioco, recriminando anche per alcune occasioni propizie fallite dallo stesso Verdi, prima della rete del vantaggio.

Comments