Roberto Saviano sfida Luigi Di Maio

Adjust Comment Print

"Che tristezza che il candidato premier del M5S Luigi Di Maio", ha scritto il giudice su Facebook, "sieda a Cernobbio con un esponente della trilaterale, che voleva la riforma della costituzione". Ovviamente non è escluso che qualcuno abbia presentato la sua candidatura senza dirlo ufficialmente, ma l'impressione che Di Maio si "stato lasciato solo" nella candidatura si avvicina molto alla realtà. 'Prima ti ignorano, poi ti deridono, poi ti combattono. Ma anche lo stesso Grillo, con una iniziativa di rottura, provò a candidarsi alle primarie di Pd, nel 2009, contro Bersani, Franceschini e Ignazio Marino.

Critico si e' mostrato anche Roberto Fico, in particolare su un punto preciso.

Nadia Piseddu, 28enne di Vignola, è laureata in Ingegneria Aerospaziale e lavora in una azienda che si occupa di stampaggio e imballaggio. Non sono ancora state rese note invece la tipologia della votazione né la data o le date in cui si svolgerà. Codice che prevede la sospensione e l'incandidabilità per indagati "per fatti e comportamenti gravi". A dieci anni dalla sua fondazione, è ormai chiaro a tutti che il M5S sia una pedina fondamentale dello scacchiere politico nazionale e, dalla mera speranza che era alle origini si è trasformato prima nel principale partito di opposizione e adesso si appresta a diventare lo schieramento che guiderà l'Italia dopo le prossime elezioni.

Speriamo che in futuro possa porre rimedio all'imbarazzante titoleggiamento oppure -se ha cambiato idea- lo dica per favore apertamente e il suo percorso dall'antipolitica alla politica sarà definitivamente concluso.

Il vice presidente della Camera, infatti, è l'unico che, finora, ha annunciato la sua discesa in campo: nessun altro possibile avversario lo ha fatto. Con due condizioni: non devono essersi dimessi e la scadenza naturale del loro mandato non deve superare il 28 febbraio prossimo. "Non sospeso e premier". Una vera rivoluzione per M5S che, pur avendo creato qualche fibrillazione, Grillo avrebbe deciso di confermare.

Potrebbe essere questo il motivo che ha spinto Roberto Fico a tirarsi indietro: essendo in aperto disaccordo con il regolamento, la scelta più logica quindi è non prendere parte a queste primarie. Ma nel 2013 il capo era Grillo.

Per descrivere le primarie pentastellate, gli ortodossi prendono in prestito la citazione del film Highlander: "Ne resterà soltanto uno". Poche regole, e forse anche un po' scontate: sostanzialmente, essere un parlamentare (ferma restando la continuità del mandato) 5 Stelle o comunque ricoprire una carica a livello regionale o europeo, la cui conclusione sia previsto entro febbraio 2018.

Comments