Crotone-Inter, formazioni ufficiali: Spalletti conferma Borja Valero, ancora panchina per Vecino

Adjust Comment Print

In pieno recupero, su tocco di João Mario, Perisic firma anche il raddoppio con una conclusione angolata. Perisic? Non ho toccato niente, lui è un leader e con i suoi rientri e la sua capacità di prendere palla tra i piedi e portarla dall'altra parte ha dimostrato di tenere alla squadra.

La mia è un po' d'ironia, ma lo ammetto anche molta invidia!

Crotone e Inter saranno le due squadre che apriranno la quarta giornata di Serie A.

"Credo proprio di sì". Trovato il vantaggio, l'Inter trova spazi che prima non c'erano.

Ma ora andiamo a scoprire tutte le modalità per vedere Crotone-Inter su Rojadirecta e in streaming gratis. Il Crotone ha impostato una saggia partita, tentando anzitutto di non far giocare la squadra di Spalletti.

Così si è assistito a una partita stucchevole: neppure per vie esterne i nerazzurri hanno agito pericolosamente. Icardi e compagni vorranno proseguire lungo questo trend e soprattutto vorranno cancellare con un colpo di spugna il ricordo dell'ultima trasferta effettuata a Crotone, nella passata stagione, quando i rossoblù calabresi si imposero per 2-1, facendo infrangere, tra le fila nerazzurre, il sogno di conquistare un posto per l'Europa League. Unica punta Icardi dietro il tridente composto da Candreva e Perisic ai lati a supporto del centrale Joao Mario.

Complice il gran caldo, i ritmi del match nella prima frazione restano molto bassi, situazione che favorisce più i padroni di casa anziché i nerazzurri, scenario ideale per difendersi con ordine e tentare di ripartire. Abbiamo migliorato la prestazione del primo tempo di Cagliari, vedo che riusciamo ad essere competitivi. Il primo squillo è targato Crotone, con Tonev che soffia palla a Miranda in pressing e fugge in contropiede: Handanovic sventa e l'Inter si salva. Ha fisico, è subito stato un titolare su cui affidarsi.

Con un intervento per tempo su Tonev e quello su Rohden, il portiere sloveno tiene a galla i suoi e permette a Spalletti di vincere per la prima volta in carriera le quattro gare iniziali del campionato.

Al minuto 81′ Nagatomo batte una punizione, palla vagante in aria di rigore del Crotone, ed ecco Skriniar avventarsi e battere Cordaz.

Ma imporsi in gare sporche e brutte (anche se non cattive) è la prerogativa di chi pensa ad un campionato di vertice assoluto. Tuttavia, quando vinci giocando male è buon segno, dicono gli esperti. A centrocampo sulle fasce Rohden e Tonev, con Barberis, Mandragora e Stoian in mezzo. A disposizione: Festa, Viscovo, Aristoteles, Kragl, Izco, Pavlovic, Trotta, Simic, Crociata. In panchina: Berni, Brozovic, Eder, Karamoh, Padelli, Pinamonti, Vanheusden.

Comments