F1: Singapore, Ricciardo il più veloce nelle seconde libere

Adjust Comment Print

VETTEL E' soddisfatto Sebastian Vettel per la pole position nel Gp di Singapore. L'impianto di illuminazione è stato realizzato da una ditta italiana la Valerio Maioli Spa.

Un distacco curiosamente molto simile è quello che separa lo stesso Vettel da Lewis Hamilton, che dopo una prova libera poco convincente si è migliorato poco prima dello scadere del tempo, portandosi molto vicino ai tempi fatti segnare dal più acerrimo rivale nella lotta al mondiale. Freni sollecitati: bassa velocità, temperature alte ed umidità elevata metteranno in crisi anche le gomme (23 le curve in totale).

Vettel si sminuisce e svela il (dolce) retroscena - Il pole man di giornata, alla sua 49esima pole position ha detto ai microfoni di Sky F1 questo: "non credo che dovessimo dimostrare qualcosa, perchè il weekend era difficile, ma si cerca di sfruttare al meglio ogni giornata. Io e Kimi abbiamo fatto fatica e dobbiamo risalire, ma c'è tempo a sufficienza".

Hamilton proverà a infilare subito Raikkonen, contando anche nell'irruenza di Verstappen: "Non ci sono punti in palio oggi, quindi ora devo focalizzarmi sulla gara rimanendo speranzoso".

E le Ferrari? Sono molto più indietro, 9° Kimi Raikkonen e 11° Sebastian Vettel, ma la situazione, almeno per il pilota tedesco è meno grave di quanto la posizione potrebbe far pensare.

"Noi e la Ferrari dovremmo poter lottare alla pari con la Mercedes, che invece ha mostrato di soffrire piste come questa". C'è addirittura chi ha etichettato Daniel Ricciardo e Max Verstappen i favoriti, e chissà che non abbiano ragione.

Sono senza voce e carico di adrenalina, magari non dirò niente di sensato ma amo questa pista - ha dichiarato il ferrarista visibilmente emozionato -. Non a Marina Bay.

Sempre a favore del carico aerodinamico la nuova pinna sul cofano della Mercedes, che è ora estesa fino a collegarsi al supporto della T-Wing. In generale, si parla sicuramente di più di un pit-stop, a seconda delle dinamiche di gara. I dati Pirelli confermano una sola sosta: la simulazione più performante prevede il passaggio dalle ultrasoft alle supersoft al giro 19, con l'alternativa dell'utilizzo delle soft con il cambio anticipato alla tornata numero 14.

Nemmeno quando gli dice che Hamilton partirà in terza fila riesce a distogliere lo sguardo del pilota da quei deflettori.

Comments