Di Francesco e Simeone in coro: "Alisson è stato determinante"

Adjust Comment Print

" I fischi non li ho sentiti, evidentemente sono isolati".

Mettiamoci pure la presenza ingombrante di Skorupski, che all'Empoli ha dimostrato a più riprese di valere una piazza importante, ed ecco che i più aspettavano il cambio di ruoli al primo errore del brasiliano. Ho cambiato un po' il sistema di gioco per contenere meglio le loro folate. Ma, quando si cerca di dare mentalità e di impostare il gioco dal basso, capita. Adesso si osanna chi fino a qualche giorno fa era solo un oggetto misterioso. Preziosissimo se si considera l'andamento della gara, ma il contesto del gruppo è ben diverso da quello della Juve, perché all'orizzonte si staglia già la sagoma del Chelsea di Conte e dell'outsider Zappacosta, ieri a valanga sul malcapitato Qarabag, destinato fatalmente ad indossare i panni del fanalino di coda. No, dobbiamo fare i complimenti al loro portiere, non abbiamo tirato fuori, sempre nello specchio (a parte i pali di Saul) e lui ha fatto delle grandissime parate. Siamo appena all'inizio, c'è tutto il tempo per ammirare una Champions in salsa tricolore. Nella ripresa sale in cattedra il Cholo, e la Roma (così come contro l'Inter) cala d'intensità.

Questo il primo tempo giallorosso, se si esclude la stretta al cuore per due macro-occasioni spagnole, salvate da un palo esterno e dal provvidenziale Manolas; e poi la grande recriminazione romanista, per un rigore, evidente, non fischiato da Mazic, evidentemente intento in altre osservazioni in quel momento. Servirebbero le sponde di Dzeko e l'intensità del centrocampo, ma la condizione come detto non è la migliore e la qualità degli avversari alla lunga emerge in maniera evidente.

Tutta 'colpa' del suo ruolo di secondo di Szczesny l'anno scorso. Oggi non ho toccato tanti palloni, spero di poterne toccare di più prossimamente. Me lo sto chiedendo anch'io.

DEFREL 6 Gara di grande sacrificio, ma per far male all'Atletico però ci vuole altro (23' st Fazio 6: placa il gran ballo della difesa). Non aver preso gol è importante, la mia parata più difficile è stata quella su Saul.

La Roma prova ad alzare il baricentro e si fa vedere nell'area avversaria dove, su un cross di Perotti, Vietto ci mette una mano, ma l'arbitro lascia correre nonostante le proteste giallorosse. I bianconeri hanno giocato un ottimo primo tempo al Camp Nou creando quattro occasioni da gol, ma i primi 45 minuti sono finiti con i padroni di casa in vantaggio per una prodezza di Messi: il Barça era al secondo tiro in porta. Il risultato mi va stretto? Nuovi movimenti e automatismi da trovare in una compagine spesso abituata alla palla lunga per Salah, ora in terra d' Albione, stanno minando le energie nervose prima che fisiche dei giallorossi e soprattutto dei senatori della squadra, con De Rossi in testa.

Comments