Lazio-Milan, Inzaghi: "Noi tra le grandi? Sino alla Supercoppa nessuno ci credeva"

Adjust Comment Print

WALLACE SV: Esce subito per infortunio, con espressione dolorante e preoccupata. Il più attivo del Milan è un impreciso Suso che prova ad accendersi comunque al 55′ con un mancino a giro, ma Strakosha è attento e respinge con i pugni. Le posizioni di Montolivo e dell'ex atalantino rimangono spesso arretrate rispetto alla linea del pallone, e l'effetto del teorico uno contro uno in mezzo al campo svanisce. Ad esempio il giocatore che ha sostituito, Biglia. Inutili le proteste del Sassuolo che chiedeva una spinta di Kurtic su Cannavaro, così come inutile l'assalto finale dei neroverdi, con Berisha fenomenale a neutralizzare un doppio tentativo di Acerbi e Ragusa. La svolta quando Kessie butta giù in area Luis Alberto, è il 37' e qui si spegne la luce.

BASTOS 6: Ha nelle corde la confusione totale di Kessie ma riesce a metterla al guinzaglio, trasformandosi in marcatore implacabile. "Avrei voluto giocarmela al completo, ma ci vorrà ancora un po' di tempo per recuperare gli infortunati - ha spiegato Inzaghi - Felipe ha un problema fisico importante e da non sottovalutare: penso non potrà essere di nuovo disponibile prima di ottobre". Pochi sprazzi in attacco del Milan i quali sono sterili per la difesa abbastanza compatta della Lazio.

G. DONNARUMMA 5: Pare insicuro fin dall'inizio, non regala la consueta sensazione di imperforabilità. Il Milan si spacca, il centrocampo non torna, e sull'appoggio di Lulic, che tocca più palloni di tutti i compagni, in area per Parolo nessuno chiude. I ragazzi mi assecondano in tutto, c'è grande umiltà. Reazione d'orgoglio rossonera con l'1-4 di Montolivo al 57', poi poco altro.

Il Milan ha tentato di reagire solo quando Montella ha fatto entrare Calhanoglu e Kalinic, setguiti dopo un po' dal redivivo Bonaventura. E siccome a grandi poteri corrispondono grandi responsabilità, le critiche sono tutte per lui.

48′ GOL! Tris della Lazio e hattrick di Immobile: steso il Milan. Chance ancora per Montolivo in mediana e per Cutrone in avanti, sostenuto da Suso e Calhanoglu. Qualche minuto più tardi il bomber della Nazionale raddoppia con un gran tiro al volo dal palo secondo palo su cross lungo dall'out destro. Inzaghi sa che la Juventus lo sta seguendo per l'eventuale dopo Allegri? Appena trova il varco giusto, però, sono dolori. Dopo un quarto d'ora il Milan è andato in corto circuito e ha iniziato a subire l'iniziativa avversaria senza riuscire a "rialzarsi" più.

64′ Occasione per il Milan ma Kessié manda alto.

Comments