Come vedere Inter-Spal in streaming o in diretta TV

Adjust Comment Print

Dopo tre giornate c'è una certezza in testa alla classifica: in attesa di Milan e Napoli impegnati fra pomeriggio e serata, a far compagnia alla Juventus c'è l'Inter di Luciano Spalletti. E' anche la sfida tra il "vecchio" Spalletti e il "nuovo" Semplici. Azione di Joao Mario che subisce fallo da Vicari, per l'arbitro e' limite dell'area ma dai replay si nota come il contatto sia dentro.

INTER (4-2-3-1): Handanovic; D'Ambrosio, Skriniar, Miranda, Dalbert; Gagliardini, Valero (dal 32' s.t. Vecino); Candreva (dal 43' s.t. Eder), Joao Mario (dal 21' s.t. Brozovic), Perisic; Icardi (Padelli, Berni, Ranocchia, Nagatomo, Vanheusden, Karamoh, Eder, Pinamonti). All. In un momento buono per l'Inter si riaffaccia pero' davanti pericolosamente la Spal, Paloschi servito alla grande in area da Schiattarella non riesce a pareggiare. La partenza dell'Inter fa ben sperare i quasi 60mila tifosi che hanno affollato San Siro.

Gagliardini chiede e ottiene l'uno-due con Icardi: pallone sul fondo di un soffio. La reazione biancazzurra è di Paloschi, che mette i brividi ad Handanovic con un girata pericolosa dall'area piccola.

Roberto Gagliardini 6,5: Parte benissimo e arriva al tiro due volte nel primo quarto d'ora.

Al minuto 22 episodio chiave della partita. Gavillucci va a controllare personalmente il monitor, e passano ben 4 minuti prima della decisione: penalty per i padroni di casa, che Icardi trasforma al 27'. "Sono convinto che l'Inter lotterà fino alla fine per vincere il campionato, per questo voglio fare i complimenti a miei ragazzi per la prestazione che sono stati capaci di sfoderare". Tiro e gol di Icardi al quinto centro in campionato. Al 41′ l'Inter trova il raddoppio. Chiudendo la Spal nella propria metà campo. Per il gran finale entrambi i tecnici cambiano le carte in tavola. Avevamo l'obiettivo di giocare con personalità e ci siamo riusciti, sono molto soddisfatto.

Tra gli altri calciatori che hanno vestito le due casacche si ricordano Costanzo Balleri, Massimo Ciocci e Felipe.

Comments