Milan, senti Allegri: "Bonucci sarebbe diventato capitano della Juventus"

Adjust Comment Print

"Parte una nuova stagione e la grande rabbia che abbiamo provato dopo la sconfitta nella finale di Champions a Cardiff va usata per affrontare questa annata". C'è amarezza di non averne vinta una delle due, ma bisogna essere contenti di ciò che abbiamo fatto. L'unico modo che conosco è di rimanere sereni, con equilibrio e centrare gli obiettivi: "intendo arrivare a marzo essendo in corsa per tutte le competizioni". Al termine della seduta di rifinitura, tenutasi questa mattina al Training Center di Vinovo, mister Allegri ha diramato l'elenco dei convocati per la Finale di Supercoppa Italiana, in programma domani, domenica 13 agosto, all'Olimpico di Roma contro la Lazio. "Ho pensato che avevo ancora molto da dimostrare".

"Che cosa è successo a Cardiff?".

Poi l'elogio a Buffon: "Senza togliere nulla a nessuno, Gigi è un giocatore diverso dagli altri". Per vincere devi essere la squadra migliore. Già tre anni fa ci sono stati tanti cambiamenti. Ibrahimovic è particolare, giocatore straordinario ma ogni tanto pretendeva che gli altri facessero le cose che faceva lui. A partire da questa Supercoppa, che la Juve ha già ceduto al Milan a dicembre in Qatar e che non ha intenzione di perdere due volte di fila. Capello lo aveva chiamato in prestito per rimpinguare una squadra priva di tanti giocatori in anno Mondiale, ma l'esperimento non durò molto. Arriviamo da numeri impressionanti e dobbiamo ripartire con la rabbia giusta.

"La Lazio ha fatto un ottimo precampionato, subisce pochi gol, è una squadra organizzata e ha grande qualità. Ho una strana euforia e felicità che forse è figlia di quel pizzico di follia che mi ha sempre contraddistinto", ha detto in conferenza stampa. Ma lentamente, insieme all'arrivo di nuovi giocatori sono passato oltre costruendo una squadra come la vedevo io. In fondo, quelli precedenti sono stati anni incredibili con l'ex Milan diventato il terzo allenatore più vincente della storia bianconera. Le gambe non sono quelle di ottobre, ma stiamo lavorando bene. "Serve usare la testa".

Giocarla a dicembre rischi di avere giocatori squalificati, questa è una partita dove le condizioni delle squadre non sono ottimali e per questo servirà ancora più cervello. Ci sono 57 partite da fare, dobbiamo cercare di farle tutte. "Quindi ognuno deve mettersi al servizio della squadra". La Champions non è più quella di 20 anni fa. Ci sono cinque inglesi, potranno uscire gironi complicati.

Comments