Migranti: Gentiloni: "Se autorità Libia più forti, noi più efficaci"

Adjust Comment Print

Sindaco di Reggio Emilia nel 2004, dopo un lungo braccio di ferro col Pd locale che gli preferiva un noto avvocato, Romano Corsi, poi rieletto nel 2008 contro il sindaco precedente Antonella Spaggiari, che aveva presentato una sua lista civica, segue l'itinerario della Margherita e il suo ingresso nel Pd. Esponente della componente più cattolica del Partito Democratico, Delrio si è espresso contro la possibilità di vietare l'attracco ai porti italiani alle Ong che non firmeranno il decalogo Minniti. Quella di Giuseppe Dossetti. Il ministro dell'Interno vuole applicare il suo codice alla lettera, il collega dei Trasporti vuole dare più margine alle regole internazionali del salvataggio in mare e alle ragioni umanitarie in nome delle quali agiscono le organizzazioni non governative. La matrice francescana è sacrosanta.

(Ultime Notizie - Ultim'ora di martedì 8 agosto 2017) "Nel governo non c'è nessuna divisione: i rapporti con Delrio sono rapportieccellenti". Che ora va raggrumando identità di pensiero al centro e a sinistra, e ben si separa dal centro e dalle destre. E' proprio su questo che si sta consumando la divergenza tra Minniti e Delrio. Al fianco di Minniti si schierano sia Gentiloni sia, con maggior energia, il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella.

Mattarella, dopo la lancia spezzata a favore di Minniti, prova a riequiliberare, in occasione dell'anniversario di Marcinelle. Di spegnimento delle frizioni nel governo. "Il codice è indispensabile perchè stavano accadendo vicende che creavano preoccupazioni e sospetti: serono le regole ed è indispensabile siano rispettate - ha detto a RaiNews24 -. E Guardia costiera e Viminale hanno lavorato insieme". Cala anche il numero dei morti nel Mediterraneo che, come segnala l'Organizzazione internazionali per le migrazioni, sono sempre troppi perché per il quarto anno di seguito superano quota duemila. Che invece, non sentendosi giustamente un diplomatico, ha confermato di avere problemi col ministro dell'Interno, tanto da averlo attaccato, con regolare intervista, per essersi sottratto a un confronto con lui nella seduta del Consiglio dei Ministri dove era atteso. Sarà ancora la Guardia costiera, che dipende da Delrio, a dare indicazioni per le operazioni di salvataggio in mare.

Una linea cui plaude il mondo cattolico ma che non è quella del Viminale.

Figlio di tanti padri e soprattutto dello smacco renziano nel referendum, con relative dimissioni - Renzi avrebbe fatto meglio a sbattere anche la porta dei vertici piddini, ma tant'è - il Governo Gentiloni non poteva di certo essere il frutto di una larga e politica maggioranza e si è fin da subito acquietato sul solito tran tran dei governi abilitati solo all'ordinaria amministrazione.

Comments