Incidente moto-furgone rotonda Condove, morta ragazza di 27 anni

Adjust Comment Print

Nonostante avesse un tasso alcolemico superiore alla norma, ha capito immediatamente di essere il fautore di tragedia. L'incidente è avvenuto alla rotonda di Condove, in località Gravio. L'automezzo ha urtato violentemente la motocicletta su cui la vittima, una ventisettenne di Moncalieri, viaggiava insieme al fidanzato, portato in gravi condizioni a Torino all'ospedale Cto. Sono distrutti. Matteo è uno sviluppatore di programmi per il web, appassionato di motori e di montagna.

Per i congiunti del motociclista ferito, si tratta di omicidio volontario. Sotto interrogatorio, De Giulio si è difeso: "Mi hanno tagliato la strada, non ho potuto evitarli, altrimenti lo avrei fatto". Cinquant'anni, elettricista, vive a Nichelino. Lei aveva 27 anni, lui di anni ne ha 29.

Poco prima i due motociclisti avevano litigato con l'uomo che guidava il furgone.

"Io l'ho fatta, io la pago". "Eravamo diventati amici" racconta il Primo Cittadino. Poi il rientro a casa, la lite con i centauri e l'investimento.

Mentre sul posto giungevano le ambulanze, i carabinieri accompagnavano De Giulio in caserma dove, sottoposto all'alcoltest, risultava positivo.

Maurizio e Matteo si scambiano quindi reciproche parolacce e il centauro, a quel punto, sferra un pugno allo specchietto retrovisore del van guidato da De Giulio. Al termine di una lite per questioni di viabilità, un automobilista avrebbe inseguito per alcuni chilometri e speronato una motocicletta.

De Giulio non è nuovo a incidenti d'auto. L'alcol potrebbe aver contribuito. Infatti, risulta che l'uomo si sia messo al volante bevendo più del doppio consentito dalla legge. Ci sono anche quella moglie e quella figlia testimoni della sua follia, testimoni di un'assurda morte in diretta di una bellissima ragazza che non potranno mai dimenticare. Dopo aver causato un incidente perché ubriaco, aveva aggredito vigili e forze dell'ordine. In ospedale aveva minacciato due carabinieri che erano li per caso.

Comments