Maradona: "Noi napoletani quando giochiamo siamo discriminati in tutta Italia"

Adjust Comment Print

"Se me lo date lo sputo in faccia". "Se fa più gol di me, se la metta". L' ex "Pibe de oro" è salito sul palco solo a metà spettacolo, dopo l' esibizione di cantanti e gruppi musicali, accolto da cori di entusiasmo. El pibe de oro in questi giorni è a San Pietroburgo anche per ottenere la cittadinanza russa che peraltro, secondo il ministro Vitaly Mutko, sarebbe già in procinto di arrivare. Ma ai napoletani piaceva così e, scommettiamo, piace ancora così! De Laurentiis? Credevo peggio, ho visto la gara col Real con lui e non è negato.

Inizio del ritiro del Napoli? Finalmente c'è questo pezzo di carta, sono commosso: "siete tutti miei fratelli". Nessun popolo mi ha voluto bene come i napoletani. "Se vi ricordate tutte le partite del Napoli, io le porterò sempre nel mio cuore". Viviamo in una società malata. Tutto questo non mi sorprende, mi sembra una barzelletta. Chi pensa così, è malato di testa e sta pensando solo ai soldi. Maradona ha parlato anche della possibilità degli azzurri di portare a casa lo scudetto: "Contando i punti che il Napoli ha perso l'anno scorso, si poteva diventare campioni". Per Sarri, per Reina, per Mertens. "5 luglio, non l'ha voluto la città ma un sindaco a caccia di soldi e pubblicità" si legge sugli striscioni.

Poi prosegue: "Una partita al San Paolo?". Si, mi piaceva l'idea: sempre mi piace giocare a calcio! Mi è dispiaciuto molto non farlo lì. Si evince, inoltre, che l'attore non percepirà alcun compenso in vista della cerimonia di stasera. Io l'ho toccato a Napoli. Però io la cittadinanza di Napoli ce l'avevo dal primo giorno che ho messo la 10 del Napoli. Oggi non avrei potuto mancare, domani sarà una giornata davvero speciale per me e per tutta la città.

"Soldi? Se qualcuno ha detto che io sono venuto qua per tanti soldi, dice una bugia". Dedicato a tutti quelli che mi criticarono quando in consiglio votai contro quel provvedimento.

Accusa pesantissima per Diego Armando Maradona. Ecco le sue parole: "Stiamo attendendo Maradona che è un grande e possiamo capire la situazione". E'cominciato tutto nel pomeriggio, quando si è aperto un vero e proprio caso mediatico.

Gli striscioni, firmati appunto curva A, criticano l'evento che consegna la cittadinanza onoraria a Diego Maradona, con la cerimonia che si terrà domani sera al Piazza Plebiscito. Segui con noi la diretta dell'evento.

Comments