Renzi: "Caso Consip mi ha fatto perdere molti consensi"

Adjust Comment Print

EDITH Piaf con Non, je ne regrette rien sarebbe stata la colonna sonora perfetta alla telefonata mattutina con Matteo Renzi.

Il segretario del Pd incontra i suoi e analizza la sconfitta: "Siamo andati al voto in chiave anti-Grillo, ma Berlusconi c'è ancora". E soprattutto la resurrezione della destra. Oggi e qui, invece, non ha prevalso il dimenticare ma il colpire. Nonostante i 15 km da Monza ed i 20 km da Sesto San Giovanni, l'eco della sconfitta del PD alle Comunali è arrivata fino alle mie finestre. In vista delle prossime elezioni amministrative questo rappresenta un buon segnale per i pentastellati, ma anche la Lega aumenta le proprie ambizioni per arrivare al governo nazionale.

Cade Genova, i nuovi camalli hanno svoltato a destra. Qualcuno dirà che ci voleva la coalizione, ignorando che c'era la coalizione sia dove si è vinto, sia dove si è perso. Sotto esame lo schema di alleanza che guarda solo a sinistra: "Così siamo destinati a perdere". "Il nostro elettorato non va più a votare". [.] Essa non crea l'uomo politico se non mettendolo al servizio di una "causa" e quindi facendo della responsabilità, nei confronti appunto di questa causa, la guida determinante dell'azione. In questi anni ha perso Roma, Torino, Genova, Venezia, Perugia, capoluoghi di provincia da tempo in mano al centrosinistra.

L'unico vittorioso, Giordani a Padova, nega l'appartenenza di partito e si veste da civico.

Se lo schema è cambiato, se l'avversario da battere non è più tanto Grillo quanto il centrodestra, è il ragionamento di Renzi, allora bisogna cambiare strategia: "Anziché rincorrere Pisapia devo tornare a fare Renzi", ha detto ai suoi. Al di là del peso degli "scissionisti" del Mdp, sembra proprio che sia stata la base del Pd, la "pancia" del partito, che non ha risposto al suo segretario.

A Lucca ha vinto Tambellini per una manciata di voti, ma il Pd nel resto d'Italia è riuscito nel miracolo: ha resuscitato il compianto Berlusconi. Per chi se ne è andato, e ha sbagliato a farlo, e per chi forse non ha fatto tutto il possibile per evitarlo. "Trovatemene uno interessato alle coalizioni e gli diamo un premio fedeltà". E anche a La Spezia il centrodestra potrebbe vincere.

Ballottaggi, Bucci: "A Genova centrodestra unito vince: segnale all'Italia" "Sarò il sindaco di tutti, l'obiettivo è far tornare grande Genova". Ha serrato la presa sul partito, l'ha persa sul Paese. Questi sono gli schemi di gioco con cui cerca di riaccreditarsi verso l'establishment. Come accade quasi sempre per le amministrative. Trovarsi imprigionati con alleati scomodi che ti vogliono superare o eliminare. Quello che le donne hanno conquistato appena nel 1946. Magari si sarà congratulato col senatore Marcucci, che, se perdeva Lucca, avrebbe subito un bel processino all'interno del partito e che ora, invece, può andare in vacanza tranquillo. Magari alla scelta non felicissima dei candidati sindaci. Come sempre, più di sempre.

Comments