Moto: Assen, 1/o Rossi, Dovizioso leader

Adjust Comment Print

Secondo posto ad un soffio dal vincitore Valentino Rossi.

Dovizioso è arrivato con un ritardo di 5.327, precedendo a sua volta J. Milelr (+23.390), Abraham (+36.982), L.Baz (+37.070), Iannone (+37.154) e A. Espargaro (+59.836). Manca un solo giro. Marquez ha sfruttato la confusione portata dalla pioggia per centrare un ottimo terzo posto, al termine di un entusiasmante "triello" con Crutchlow e Dovizioso. La moto è stata completamente distrutta, ma per fortuna alla fine Maverick Vinales si è rialzato sulle sue gambe senza assolutamente riportare danni. Per il giovane spagnolo una caduta che comporterà una notevole perdita di punti in ottica classifica generale. Marquez, infine, ha raccolto un piazzamento utile che lo avvicina alla vetta a conferma della sua pericolosità nell'essere sempre in agguato e vicino al vertice.

6/26 - Zarco rientra ai box per cambio moto.

14 giri alla fine. Dovizioso va leggermente largo e Marquez lo supera in terza posizione. Dovizioso ormai vicinissimo a Zarco in grandissima rimonta.

Ha aggiunto il pilota italiano della Ducati.

L'australiano Jack Miller è stato il più veloce nel warm up di Assen.

Sette giri al termine. Pericolosissima la sua caduta, ma per fortuna senza conseguenze con Dovizioso che sopraggiungeva alle sue spalle. Mancano 16 giri alla fine. I primi quattro continuano ad avere un passo gara decisamente superiori alla conseguenza. La gara è stata complicata dalle non ottime condizioni della pista sulla quale è scesa una leggera pioggia durante gli ultimi dieci giri.

Danilo Petrucci (Ducati Pramac): un altro podio, che momento fantastico per il Petrux! Il giro successivo il pluricampione di Tavullia agguanta la prima posizione su Zarco, che subito dopo rischia di farlo cadere toccandolo sul posteriore. Fuori dai primi dieci Johann Zarco su Yamaha Tech 3, partito dalla pole, e Jorge Lorenzo. In prima fila, al fianco del transalpino ci sarà lo spagnolo Marc Marquez su Honda col secondo tempo dietro di 65 millesimi.

Danilo Petrucci - 9: considerarlo un pilota esclusivamente da bagnato è riduttivo. Il quarto posto è comunque da incorniciare.

"Sono felice di vedere la Yamaha in testa e sono contento per lui. Spero di essere competitivo, voglio fare una bella gara".

"E' incredibile, non mi ricordo un'altra situazione simile, un campionato così aperto".

Comments