Milan, Fassone: "Donnarumma ha subito le decisioni di Raiola"

Adjust Comment Print

Mino Raiola ha deciso di vuotare il sacco dopo la decisione riguardante il non rinnovo di Gianluigi Donnarumma. In un primo momento dice che la trattativa non è saltata assolutamente per una questione di soldi, poi accusa:"Se hai in casa un top player come lui (Donnarumma, ndr) perché vai ad offrire il doppio o il triplo ai Morata o agli Aubameyang?".

"Penso che questa giustificazione sia molto particolare". In questo modo testimoniano l'adesione a un progetto che portiamo avanti con grande chiarezza e ambizione. La faremmo lunghissima se entrassimo negli abissi del personaggio. L'ad del Milan difende a spada tratta il lavoro del ds Massimiliano Mirabelli chiamato in causa da Raiola: "Lavoro con Mirabelli da anni e nessuno mi ha mai contestato un atteggiamento minaccioso da parte sua, lo ha fatto Raiola per la prima volta".

Il Milan farà ancora affari con Raiola? Il racconto di Cruyff (a pagina 37 della sua illuminante autobiografia) prosegue così: "Sapeva che educarmi in un certo senso faceva parte dei suoi compiti". Male, male, male che fosse andata si imponeva a Mihajlovic di non farlo giocare tutte le partite per evitare che il ragazzo prendesse valore... per altri. Molti calciatori raccontano di avere migliaia di followers, ma loro chi seguono? Così, a naso, vi ricorda qualcosa? Infatti, Mino Raiola ha già spiegato che non ci sono i presupposti per continuare, il no resta no. Senza contare le pressioni che sta subendo il ragazzo: nonostante sia in Polonia, nonostante giochi con la maglia della nazionale, i fischi, gli strisicioni e le banconote finte lo hanno duramente provato. "Per stringere sui due profili più adatti servirà ancora qualche giorno".

Donnarumma, una libbra di carne può cambiare la vita. E non l'hanno fatto. Marco Fassone non ha escluso un nuovo accordo per il rinnovo tra le parti. Il ruolo di Shylock, avido strozzino ebreo, spetta naturalmente all'ineffabile Mino, a Donnarumma quella del giovane Bassanio e al Milan quello della promessa giovane sposa Porzia. L'ad rossonero, però, precisa: "La nostra posizione è chiara: per il Milan è incedibile, quindi resterà con noi la prossima stagione". Ovviamente con i SUOI giornalisti, con domande precedentemente concordate e il tutto registrato, perché sia mai che ci scappi un dibattito, con domande vere. Per l'assistito e per se stesso. Ma noi non potevamo aspettare, Gigio è in scadenza e io ho bisogno di intervenire. Non basta essere la squadra che ha investito finora di più in Serie A? Per il cuore non c'è (più) spazio. "Se qualcuno è andato oltre, non solo mi dissocio ma condanno fortemente atteggiamenti che vanno al di là del consentito e faremo tutto quello che serve per rassicurarlo e confortarlo".

"Nella mia esperienza il denaro è secondario". E se mi avesse detto di non voler rinnovare a metà agosto? È finita quando Gigio, che fin a lì ci aveva creduto più di me perché lui al Milan ci voleva restare davvero, mi ha detto: Mino, sinceramente adesso non so se me la sento più. Ma agli occhi dei tifosi, dovunque decida di andare, resterà per sempre il pagliaccio di McDonald, l'omino Michelin, la mela dell'Apple.

Per Raiola è stato il Milan a perdere Donnarumma.

Conti alla mano - Per spiegare il proprio punto di vista c'è stato un duro comunicato pubblicato dalla Curva Sud Milano sulla questione legata al mancato rinnovo.

Comments