Torino, Appendino: Pronta ad assumermi la responsabilità

Adjust Comment Print

"Non possiamo cedere alla paura, non possiamo farci vincere da questo nervosismo diffuso grazie al terrore che ha visto tanti luoghi teatro di fatti tragici, ma tutto questo si deve coniugare con azioni che, seppur auspicate da molto tempo, non sono al momento state attuate. La situazione era evidentemente fuori controllo". E' uscito dal coma ed è stato estubato Kelvin, il bambino di 7 anni ferito sabato sera in piazza San Carlo, durante Juventus-Real Madrid. Quello che è accaduto è gravissimo: questa è una città che ha ospitato eventi internazionali ben più importanti e impegnativi di una finale di Champions, penso alle Olimpiadi invernali o alle celebrazioni per il 150mo dell'Unità d'Italia o alla visita di Papa Francesco. Lo Russo però sottolinea che "il ragazzo è solo un capro espiatorio della giunta Appendino nell'imbarazzante tentativo di giustificarsi". Il senatore si era poi scusato - "mi unisco alla vicinanza e al dolore dei feriti", aveva ritrattato - a seguito delle polemiche scatenate sui social.

Di tutti i feriti ancora ricoverati, le condizioni della donna sono quelle che preoccupano maggiormente i sanitari. Sono stati proprio i cocci sparsi per terra a provocare l'altissimo numero di feriti tra la gente in fuga e spesso senza scarpe. "Noi non abbiamo portato vetro in piazza anche sei controlli sono stati sommari, non riesco a capire come potevano esserci all'interno parecchi abusivi che vendevano bottiglie di birra in vetro!".

Per quello che finora si è appurato, della circolare sono state adottate le misure di sicurezza anti-terrorismo (c'erano duecento agenti) ma non è stato predisposto un piano d'emergenza.

Kelvin non è più in coma farmacologico. Ho cercato di scappare strisciandomi tra i vetri finchè Davide Rinaldi (per lui 5 punti di sutura per un buco al polso) mi ha trascinato via. "Ma ora, alla prova dei fatti, alla prima occasione in cui avrebbe dovuto mostrare lucidità, fermezza e presenza, in un comunicato scarica la colpa su Turismo Torino, dimostrando così di essere totalmente inadeguata". Le immagini girate in presa diretta da Federico Casotti descrivono i dintorni di piazza San Carlo nel tardo pomeriggio, il crescente entusiasmo della piazza, che passa dall'euforia per il pareggio di Mandzukic allo scoramento per il goal di Cristiano Ronaldo. Qui circolano strane voci, siamo tutti convinti che ci sia stato un attentato e molti dicono di non entrare in stazione perché potrebbe essere pericoloso, potrebbero esserci altri attacchi. Non lo so. So solo che intorno a me si è creato un vuoto.

Niente di grave per loro e gli amici che si sono ritrovati al parcheggio. La cosa più importante e urgente era portarlo in ospedale.

Comments