Tensione all'esterno del PalaDelMauro, la Reyer accetta le scuse della Sidigas

Adjust Comment Print

La Reyer Venezia bissa il successo ottenuto due giorni fa in Irpinia e sconfigge la Sidigas Avellino 78-66 portandosi sul 3-2 nella serie. Le lacrime di Fesenko, gli applausi del PaladelMauro sono le immagini toccanti di una serata che la Scandone ha provato ad onorare al meglio delle sue possibilità. A muovere il punteggio è Fesenko che rompe gli indugi dalla lunetta del tiro libero, mentre dall'altra parte, sempre dalla linea della carità, è Batista a rispondere per le rime. Thomas dall'arco prima di Filloy e della tripla di Bramos. Batista da sotto. Ancora schiacciata di Fesenko. Peric risponde ai liberi di Green, poi, su un recupero difensivo su Logan, l'Umana Reyer decide di gestire, con la tripla di Ejim che non va, a differenza di quella di Leunen per il 71-73 al 39′. Green segna dalla media distanza e Ragland appoggia al vetro per il +3 al 10' (24-21). Alla nona sfida della stagione possono essere ormai ben poche le sorprese sul parquet, nonostante gli sforzi proposti dai due tecnici, De Raffaele e Sacripanti, protagonisti di una vera e propria battaglia tattica. La Sidigas difende forte. Ragland va via in velocità (9-12). Le due palle perse che seguono sono sanguinose Batista, Peric e Filloy danno la spallata che appare decisiva (71-81). Peric in contropiede realizza e costringe Sacripanti alla sospensione (34-33). Bramos e McGee segnano due triple intervallate dai quattro punti di Logan (66-68), tuttavia Venezia trova in Bramos un talismano con il greco che segna ancora da tre per il più cinque. Logan prova a far riprendere la Sidigas dallo choc ma Peric chiude il primo tempo sul 52 a 43. Ragland fino in fondo. Quarto (da 19-31!) che si chiude poi sul 43-52, in cui incide la striscia di 9-24 in 5' per la squadra di coach De Raffaele. Venezia è implacabile a capitalizzare gli extra possessi offensivi con la precisione da oltre l'arco di Haynes e Peric (4/7 da tre per la Reyer nel primo quarto).

Parziale di Avellino in apertura dell'ultimo quarto, Ragland in penetrazione, e dopo un canestro di Ejim, 5 punti di Thomas portano la Sidigas avanti (59-58). La Reyer fatica a contenere la fisicità del numero 22 biancoverde e la Scandone ne approfitta per provare ad azzannare la partita e ad assestare la prima spallata al match (32-26). Il play di Springfield si carica la squadra sulle spalle e cerca di ricucire lo strappo (64-72). 5-0 di Avellino con la coppia Ragland-Logan, i lupi tornano a - 5 (76-81). Fesenko fa 1/2. McGee da 3 (37-28). Alla fine, il risultato dice 83-84 per Venezia.

Comments