Juve-Real, batte anche finale di Sanremo

Adjust Comment Print

Si, Allegri ha parlato l'anno dell'anno prossimo.

Al rientro in campo le due squadre ripartono con ritmi più compassati, ma sempre determinate a superarsi reciprocamente. Il vero Superman resta Cristiano Ronaldo, mostruoso nel confermarsi decisivo anche quando il tempo reclama la propria reale età e in una stagione da 'appena' 42 gol stagionali.

Continua la maledizione delle finali perse per la Juventus e continua la maledizione della prima Champions per Capitan Buffon alla terza sconfitta della sua carriera. Una situazione quasi inspiegabile se si considera la reale forza della squadra bianconera. Juve anche vicina al gol in 2 circostanze nei primi 10 minuti con Higuain e Pjanic a impegnare Navas, ma punita al primo affondo da Cristiano Ronaldo che si fa trovare pronto sull'assist di Carvajal.

Il fatturato della Juventus, invece, grazie ai circa 109 milioni incassati dovrebbe assestarsi intorno ai 550 milioni di euro, un record per la società bianconera che prosegue nella sua crescita. Ma la Juventus non si lascia prendere dal panico e al 27' ci pensa una splendida rovesciata di Mandzukic a riportare la partita in parità. 4 a 1 il risultato finale che, non rispecchia, comunque la realtà della gara.

Real piuttosto aggressivo in questa ripresa e Juve meno intensa rispetto al primo tempo. Se ne vedono di ogni tipo: da De Laurentiiis che "augura" buona coppa al Pipiita Higuain, impalpabile tra l'altro per tutta la partita ieri sera, fino ai complimenti (questi reali) fatti da Pepe Reina e l'intera squadra dell'Inter nei confronti del Real Madrid, con evidente sottolineatura della sconfitta per gli odiati cugini bianconeri.

Arriverà sicuramente il quinto Pallone d'Oro per il fuoriclasse portoghese, che sarà ricordato come il super calciatore per antonomasia, un mix perfetto di tecnica e atletismo, coadiuvato da professionalità e mentalità vincente. Dovevamo rimanere in partita e non lo abbiamo fatto: questo è un passaggio mentale su cui l'anno prossimo dovremo crescere.

Allegri provava a scuotere i suoi inserendo Cuadrado per Barzagli ma quando il colombiano, un po' per colpa sua e un po' per furbizia di Sergio Ramos, si faceva buttare fuori con due ammonizioni ravvicinate, il sogno rimonta sfumava nel cielo di Cardiff. Entra anche Lemina per Dybala mentre Alex Sandro di testa va vicino alla rete che riarprirebbe tutto. Doppio giallo per il colombiano. Qualche istante più tardi è Marcelo a pennellare un cross perfetto sul secondo palo, con Ronaldo che arriva in lieve ritardo. Il Real Madrid punge ancora, mettendo in difficoltà la retroguardia bianconera e passa ancora al 61′ grazie ad una conclusione di Casemiro dai 25 metri che sorprende un Buffon non impeccabile nella circostanza. La Juve subisce un' inaspettata disfatta e torna a piangere lacrime amare.

Comments