Manchester, 4 arresti in relazione alla strage

Adjust Comment Print

La titolare della Sicurezza ha anche riferito che la fuga di notizie, soprattutto da parte dei media Usa (sulla "bomba sofisticata" utilizzata per la strage e i legami dell'attentatore con gruppi terroristici in Libia dove si sarebbe recato più volte di recente) ha irritato parecchio il governo e gli inquirenti del Regno Unito. L'esplosione è avvenuta durante il concerto di Ariana Grande alla Manchester Arena, il palazzetto dove la cantante si era appena esibita davanti a una folla composta per lo più da adolescenti.

La nottata è stata un continuo susseguirsi di notizie. Poche ore prima era stato arrestato un 23enne a sud della città. Birmingham è considerata la "capitale del jihadismo", ma anche Manchester è finita alla ribalta delle cronache a inizio anno, quando un 50enne britannico dell'Isis, nato proprio lì, si è fatto saltare in aria vicino a Mosul, in Iraq. C'era gente che urlava e scappava, e noi fortunatamente siamo riuscite a metterci al sicuro. La giovane popstar ha annullato i concerti in quanto non se la sente di cantare e di esibirsi dopo quanto successo a Manchester. "È stato orribile", ha ricostruito la Johnson. La maggior parte dei filmati diffusi, mostrano il pubblico, per lo più ragazzi e ragazze giovanissimi, mentre cercano di fuggire dall'Arena nel caos più totale.

"Perché hai pubblicato questa foto in cui fai festa con Ariana Grande? - ha commentato un utente - E' veramente patetico e triste".

Immediate le reazioni dei politici: in Gran Bretagna e stata immediatamente sospesa la campagna elettorale per le elezioni di giugno. In un'intervista concessa alla Bbc, Rudd ha quindi confermato che il 22enne britannico era noto ai servizi di sicurezza britannici prima dell'attacco di lunedì scorso, costato la vita a 22 persone. Tra loro anche il fratello del kamikaze, che si chiama Ismail Abedi. L'asticella è stata alzata dalle autorità a "critico" da "grave", a segnalare che si attende un attacco "imminente". La gente di Vienna, di Belgrado, di Poitier aveva paura, non era più in grado di pensare a se stessa, non agiva "normalmente" fino a quando eserciti attrezzati e ben guidati, animati dalla fede e spinti dalla ragione, non hanno avuto la meglio su barbari che intendevano stravolgere l'ordine costituito fino ad usurpare non dei regni, ma un'intera civiltà. Ora Ariana Grande avrà qualche ora per superare lo shock aiutata da amici e fidanzato ma già domani i suoi impegni la vedrebbero in concerto a Londra: sceglierà di cancellare la data?

Comments