Juventus campione d'Italia e sul Lungolago si festeggia

Adjust Comment Print

La festa può cominciare e forse non è un caso che parta proprio da lui, il croato mister No Good che con quel lavoro sporso sulla fascia sinistra meglio di tutti impersonifica lo spirito e la svolta tattica di questa Juventus della sesta meraviglia. "Anzi, domani (oggi ndr) devono succedere". "Non giocherà dall'inizio, verrà in panchina". "Come calciatore sicuramente sono cresciuto, ho imparato tanto alla Juventus grazie al gruppo, al mister, allo staff e a tutti". Torniamo dalla Coppa Italia con una ottima condizione mentale, ci ha dato una forza importante per affrontare la gara di domani la sfida con la Lazio. La squadra è presente, a differenza del pre-Roma ha fatto due buoni allenamenti e farà una grande partita. "Noi dobbiamo vincere e pensare ai noi stessi".

Una bellezza questo Napoli che ha sfondato il tetto dei cento gol stagionali e che con la venticinquesima vittoria ha raggiunto gli 83 punti, record nella sua novantennale storia (erano stati 82 nel 2015-2016, sempre con Sarri). Neppure le tante "supersquadre" che negli anni '30, '40 e '60 hanno fatto la storia della nostra pedata; men che meno le milanesi in anni più recenti. I bianconeri aspettano il Crotone per festeggiare lo scudetto, ma i rossoblù non ci stanno a fare l'agnello sacrificale e vogliono scendere in campo con lo spirito di chi non ha nulla da perdere. Se questa volta il risultato sarà favorevole a Buffon e compagni si tratterà di una " triplette" davvero eccezionale, ma gli juventini potrebbero comunque, dopo oggi, già essere soddisfatti di una stagione eccezionale. Una scudetto più sofferto rispetto a quelli degli anni passati, anche per l'intraprendenza e i progressi messi in mostra da Roma e Napoli, mai cosi vicine ai bianconeri negli anni recenti. "Poi ci vediamo da tre mesi ogni giorno".

Tornando sul ko dell'Olimpico per 3-1 con la Roma, l'allenatore livornese aggiunge: "Non c'è una spiegazione scientifica ma fisiologica". A Roma c'è mancata la cattiveria.

Il primo è andato, ora tocca al secondo. "Domani sarà sulla falsa riga di mercoledi".

PASSAGGI CRUCIALI - "Stagione fatta di momenti, abbiamo vinto partite non giocando bene ma la squadra ha dimostrato sempre carattere".

Comments