Fognini prova a cercare alibi: "ho perso contro un futuro numero 1"

Adjust Comment Print

L'hanno innervosito soprattutto le scelte degli organizzatori: "L'arbitro ha fatto una caz...ta, ma non penso ci fosse cattiva fede o che il mio avversario abbia rubato le palline".

Dopo un primo turno ostico contro il gigante Kevin Anderson - dove avrebbe anche potuto lasciarci le penne - Zverev si è reso protagonista di una prova più solida nel match di ieri contro Victor Troicki. Un triste finale per una sfida che aveva catalizzato l'attenzione del pubblico del Foro Italico, che già a metà mattinata aveva iniziato ad accorrere sulle tribune del Centrale.

Un Fogna in fiducia per la buona condizione di forma espressa nelle ultime uscite (l'avevamo visto lottare tenacemente contro Rafael Nadal a Madrid) e un Murray mai così a terra da molti mesi a questa parte.

"Questa è una delle mie tre partite più belle di sempre". Il suo tabellone non è facile.

Resta ancora una volta quell'illusione di aver trovato davvero il vero Fognini, quel giocatore capace di illuminare con le sue accelerazioni e con quelle giocate imprevedibili che solo coloro che hanno un grandissimo talento possono avere. "E in fondo forse neanche Murray è tanto contento di incontrarmi...". Il tedesco è stato più costante, riuscendo a sfruttare le palle break che si è conquistato durante la partita. Anche questo è Foro Italico, ma è sempre il tennis ad essere il filo conduttore.

"Sono dispiaciuta per aver rinunciato al match di oggi per un infortunio alla coscia sinistra. Non si arrabbia con l'avversario e quindi mi trovo molto bene con lui". Sul campo 2, presumibilmente dopo mezzogiorno, scenderà in campo Gianluca Mager per sfidare il britannico (di origine slovena) Bedene. Oggi, difatti, sono stati disputati alcuni dei sedicesimi di finale della competizione ed è stato il giorno dell'esordio di Murray e Djokovic, numero uno e due del ranking e finalisti della scorsa stagione. Fuori anche Sara Errani contro la francese Cornet per 6-3 6-4 e la Chiesa sconfitta dall'ucraina Tsurenko per 7-5 6-2. Almeno fino al settimo game quando l'italiano, nel recuperare un pallonetto subito, tenta lo smash addosso a Zverev: la pallina finisce in rete, ma il Centrale non gradisce e fischia il gesto.

Fabio, però, dopo Indian Wells e Miami è rientrati tra i primi 30 in classifica e ora è atteso dal difficile incontro della prossima settimana in Coppa Davis tra Belgio e Italia.

Comments