Juventus-Lazio in DIRETTA: Dani Alves apre, Bonucci raddoppia

Adjust Comment Print

La Coppa Italia è il primo passo per la squadra di Allegri, che punta dichiaratamente al triplete.

Il primo obiettivo della Juventus, invece, era la Coppa Italia: Lazio regolata per 2-0 all'Olimpico, missione compiuta e strada aperta verso il Triplete.

I biancocelesti sembrano arrendersi già al 6′ minuto di gioco, dove il palo di Keita sembra distruggere il morale della Lazio e dare nuova grinta alla Juventus. Dani Alves? Stasera parlare di un solo giocatore sarebbe irrispettoso per gli altri. Al 25′ arriva il raddoppio bianconero: sugli sviluppi di un corner Alex Sandro spizza la palla per Bonucci che davanti alla porta non sbaglia.

Il gol dà vigore alla manovra juventina, con Dybala che ci prova un paio di volta dal limite, ma trova altrettante respinte di Strakosha, il quale si supera al 18', con un miracolo di piede su tocco ravvicinato di Higuain. Al 53' il neoentrato Felipe Anderson impegna Neto che mette in calcio d'angolo.

La Juventus continua un pressing asfissiante, la Lazio accusa il colpo e il primo tempo si conclude sul 2-0.

Naturale conseguenza del dominio sono stati i due gol di Dani Alves e Bonucci: entrambi arrivati prima e dopo numerose azioni pericolose dei bianconeri. Neto determinante al 57° su Immobile. L'orario serale, anche se infrasettimanale, favorisce il pubblico. È suo l'assist per Dani Alves che sblocca la finale. In campo a centrocampo Marchisio e Rincon, senza Pjanic e Khedira. Sì, perché Allegri, fin da inizio anno ha predicato calma sottolineando come una stagione viva all'interno di momenti diversi, di controllo e di accelerazione.

Dybala 6,5 - Quando parte tra le linee è imprendibile, ogni qualvolta che accelera sembra poter colpire da un momento all'altro. Prima della finale commenta così le gesta del 'maestro che su ce sta' a guarda':"Grande uomo, grande allenatore".

Storico e particolare en-plein mancato, con il successo della Juventus sulla Lazio.

In avvio di ripresa Simone Inzaghi gioca la carta Felipe Anderson, escluso dall'undici titolare, per cercare di dare maggiore freschezza in fase offensiva.

Basta 5,5 - Spinge con il contagocce sull'out di destra e non riesce ad arginare l'intraprendenza di Alex Sandro.

(Dal 68') LUIZ ALBERTO S.V. Serata da dimenticare per lui. Nel finale di tempo prima Immobile e poi Milinkovic provano a segnare il gol che porterebbe speranze, ma bravo Neto.

Comments