Serie B: l'Ascoli sbanca Bari 1-0, decide Bianchi

Adjust Comment Print

Prosegue la serie B che che quest'oggi, domenica 14 maggio, mette in scena il posticipo della quarantunesima giornata. La tifoseria non ha dubbi, Colantuono e Sogliano sono i responsabili di questa situazione.

Lo sa anche Stefano Colantuono che ora sprona i suoi a finire dignitosamente la stagione: "Più che arbitri dei play out dobbiamo essere arbitri di noi stessi". Dovremo individuare l'allenatore per la prossima stagione considerato che il contratto di Colantuono termina il 30 giugno. Una buona notizia per i biancorossi è stato l'esordio dei giovani Coratella e Romanazzo. Ci ha dimostrato durante tutto il campionato la sua maturità. Una inzuccata di Daprelà non ha inquadrato la porta di Lanni. Anzi è sembrato il Ds non aspettasse altro che esonerare Stellone per scegliere un allenatore da lui caldeggiato.

Neanche il tempo di alimentare una piccola speranziella playoff che il Bari l'ha subito voluta soffocare. Abbiamo pagato la fretta con cui siamo stati costretti a costruire la squadra che poteva amalgamarsi nei tempi giusti. Molti di loro, dopo un inizio sprint, si sono fermati ai box e non hanno costituito quel valore aggiunto che avrebbero dovuto rappresentare. Vittoria che consegna la matematica salvezza alla squadra di Aglietti. Curtis Yebli, dopo il debutto ufficiale di otto giorni fa, ha giocato la sua prima gara in prima squadra da titolare ed è stato uno dei migliori: nel corso del primo tempo ha avuto tra i piedi la palla del possibile 1-1 ma ha sfiorato i pali difesi da Lanni.

Brucia ancora la sconfitta dell'Arechi di ieri pomeriggio, non solo perché perdere un derby dà sempre fastidio (e l'Arechi è un campo stregato per l'Avellino), ma soprattutto perché alla luce degli altri risultati mina decisamente le possibilità di restare in cadetteria per la formazione di Novellino. L'invito della Nord oggi non lascia spazio a commenti: "Per vincere bisogna programmare".

Ultima sfida stagionale al San Nicola.

Comments