Murray: A Roma sarà dura contro Fognini

Adjust Comment Print

Cresce l'attesa per l'avvio della settantaquattresima edizione degli Internazionali d'Italia. Il mancino di Mallorca è, infatti, tornato a giocare un ottimo tennis sulla sua superficie preferita, la terre battuta come dimostrato dalla facilità, quasi imbarazzante con cui si è sbarazzato di Novak Djokovic nella semifinale del torneo di Madrid che si chiuderà questo pomeriggio.

Nel tabellone femminile, le quattro italiane in gara sono tutte presenti grazie alle wild card.

In occasione degli Internazionali BNL d'Italia, sarà lanciata, all'interno dell'app, la nuova sezione "Play" che consentirà agli utenti di condividere la passione per questo sport direttamente sui campi da gioco, organizzando partite e sfidando gli altri utenti nei circoli della propria città, registrando i punteggi all'interno dell'App. E' andata male a Budapest e Monaco ma avevo la testa altrove, poi sono tornato a casa a Barcellona, ho parlato fino alle tre di notte con Flavia dicendole che per me non era un problema fermarmi per un paio di tornei.

Anche i bookmakers vedono Nadal come grande favorito, con gli ultimi due vincitori della competizione (Murray e Djokovic) abbondantemente staccati. Subito un derby tricolore per Fabio Fognini, che a Madrid al secondo turno ha impegnato per tre set Nadal: il numero uno azzurro, 29esimo nel ranking mondiale, mai oltre il terzo turno a Roma (raggiunto nel 2015), debutterà contro il 21enne romano Matteo Berrettini, numero 250 del ranking mondiale, che ha conquistato attraverso le pre-qualificazioni una wild card per il main draw.

Nel tabellone femminile esordio subito in salita per Maria Sharapova. La bella siberiana, alla luce delle prime uscite post-squalifica, sembra avere le carte in tavola per recitare un ruolo importante nel WTA Premier romano. Spera in un buon torneo anche Roberta Vinci (34): "Mi piacerebbe fare contenta la gente che viene qui in massa per vedermi con tanti bambini". Infine la wild card Deborah Chiesa se la vedrà con la Tsurenko.

Comments