Mauritania, Alfano: "Cristian Provvisionato è libero e sta rientrando in Italia"

Adjust Comment Print

"Gli ho parlato". Lo ha annunciato attraverso Twitter il ministro degli affari Esteri Angelino Alfano. Il quarantatreenne di Cornaredo era prigioniero in Mauritania dal 16 agosto 2015 con l'accusa di truffa ai danni dello stato. "Un altro obiettivo centrato" ha twittato Alfano. Cristian potra' riabbracciare i suoi cari.

I famigliari di Cristian Provvisionato possono finalmente esultare. "Grazie ad autorità mauritane e a squadra della Farnesina", questo il tweet del sottosegretario agli esteri Enzo Amendola dopo l'annuncio della liberazione di Cristian Provvisionato. "Gli ho parlato al telefono ed era emozionato e felice di tornare a casa". Il 26 aprile scorso, la Farnesina aveva ricevuto la madre, Doina Coman, assicurandole il massimo impegno per risolvere la vicenda. Non si è fatta attendere l'intervento di Fiorello, che proprio ieri ha ospitato dallo Speaker's corner di Edicola Fiore, un appello della madre di Provvisionato: "Queste sì che sono belle notizie!". "Una notizia davvero molto buona, attesa, è un grande risultato" le parole del presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Oggi l'epilogo positivo. E le felicitazioni del presidente del Consiglio Gentiloni che ha ringraziato il presidente della Mauritania Mohamed Ould Abdel Aziz.

Si trovava in carcere con l'accusa, mai espressa in atti ufficiali, di truffa informatica ai danni dello Stato. E anche in Italia sono state aperte delle indagini, "ma non riguardano lui, quanto piuttosto come sia accaduto tutto ciò", ha precisato.

Dopo neanche due settimane che si trovava in Mauritania, Provvisionato è stato arrestato e messo in custodia cautelare. Da subito l'italiano si era dichiarato completamente estraneo e all'oscuro della vicenda.

Comments