3 milioni di multa a Whatsapp, "ha ingannato gli utenti"

Adjust Comment Print

Nelle intenzioni di Zuckerberg, che ha acquistato Whatsapp nel 2014, dunque, la piattaforma di messaggistica avrebbe dovuto funzionare come una sorta di immagazzinatore di dati da condividere con il noto social network, il quale li avrebbe sfruttati per offrire pubblicità mirate ai propri avventori.

L'antitrust scrive che WhatsApp avrebbe fatto ritenere ai suoi utenti che la mancata accettazione delle nuove condizioni non avrebbe permesso l'utilizzo dell'app di messaggistica.

Nulla di vero, ovviamente, e in tale contesto rientra anche la mancata informazione riguardo la possibilità di rifiutare il consenso alla condivisione dati con Facebook. "Coloro che erano già utenti alla data della modifica dei Termini (25 agosto 2016) avevano, invece, la possibilità di accettarne 'parzialmente' i contenuti, potendo decidere di non fornire l'assenso a condividere le informazioni del proprio account WhatsApp con Facebook e continuare, comunque, a utilizzare l'app". La multa ammonta a 3 milioni di euro. Viene considerata vessatorio, ancora, il fatto che la legge applicabile al contratto e alle controversie sia quella dello Stato della California e quali unici fori competenti per la risoluzione delle controversie ci siano il Tribunale Federale degli Stati Uniti della California settentrionale o il Tribunale dello Stato della California. Di accertare la vessatorietà delle clausole spetta al giudice che ne deve valutare ed interpretare la concreta applicazione.

In particolare è stata accertata la vessatorietà relativa alle esclusioni di responsabilità, alle possibili interruzioni di servizio senza motivo e preavviso, al diritto di recesso dal contratto che WhatsApp può utilizzare per escludere taluni utenti e altre clausole che sembrano in effetti poco chiare.

Dopo sette mesi di indagini si è chiusa ieri l'istruttoria aperta dall'AGCM nei confronti di WhatsApp Inc.in merito alle presunte e ripetute violazioni del Codice del Consumo. Ora, quindi, alla società non resterà che pagare la multa.

Comments